Quali pavimenti in legno per un impianto a pavimento?

Alcune essenze sono sconsigliate nel caso di impianto radiante,
scopri quali sono

07/12/2019 - 17:22

L'avvento del parquet prefinito o multistrato ha reso più stabili (meno soggetti a movimenti e fessurazioni) il legno rispetto al passato, ma lo stress generato dall'impianto di riscaldamento a pavimento mette a dura prova il nostro pavimento. Specie se non abbiamo posto la dovuta attenzione alla scelta dell'essenza corretta da utilizzare.

Quale parquet su impianto a pavimento?

Stai pensando di posare un parquet sopra ad un impianto di riscaldamento a pavimento? Hai dubbi sul funzionamento dell'impianto radiante nel caso in cui venga associato al pavimento in legno? Vuoi sapere se è meglio mettere un grès oppure un parquet su un impianto a pavimento? 

In questo articolo cercherò di chiarire il funzionamento dell'impianto radiante abbinato al parquet e confronterò le performance del pavimento in legno rispetto agli altri materiali.
Infine ti elencherò le essenze di pavimenti in legno più adatte al riscaldamento a pavimento.

Insomma avrai tutte le indicazioni per stabilire se e come realizzare un "parquet radiante". 

Un pavimento in legno scuro in una casa a Vicenza
Interni di una casa elegante che abbiamo realizzato a Vicenza.
Clicca sulla foto per vedere i dettagli. 


Pavimento in legno e impianto radiante non vanno d'accordo

L'accoppiata "impianto a pavimento" e "pavimento in legno" è fantastica per chi ci abita! Regala un pavimento naturale e, grazie all'impianto radiante, piacevolmente tiepido su cui è gradevole camminare a piedi scalzi d'inverno. 

Ma è intuibile come questi due elementi vadano poco d'accordo tra di loro per due motivi, principalmente: 

  1. Il legno, come si dice, è un materiale "vivo", soggetto a movimenti che sono amplificati dallo stress che subisce dal riscaldamento a pavimento
  2. È anche un materiale isolante, per cui ostacola la risalita del calore

Quindi il parquet è inadatto all'impianto di riscaldamento a pavimento? 

pavimento in legno su impianto a pavimento a vicenza
Pavimento in legno su impianto di riscaldamento a Vicenza. Clicca sulla foto per vedere altri dettagli.


Parquet e impianto a pavimento: un matrimonio forzato

Nonostante ciò sono migliaia, ogni giorno, i metri quadrati di pavimenti in legno che vengono posati su impianti radianti, quindi non è in discussione il fatto che sia o meno possibile posare il legno su un impianto radiante.

Impareremo assieme, nel corso della lettura, quali debbano essere le cautele, le precauzioni da adottare perché questo matrimonio forzato funzioni. 
Prima di affrontare la specificità della posa di parquet su impianto radiante, ti consiglio di leggerti le accortezze da adottare IN GENERALE per la posa del legno, che troverai in questo link:

Accortezze per il parquet

 

Poi capiremo quali pericoli corriamo "forzando" la convivenza tra questi due elementi e quali parquet sono più adatti a sopportare lo stress di questo matrimonio forzato.

Pavimento in legno e riscaldamento a pavimento
Un pavimento in legno su impianto di riscaldamento a pavimento in un ufficio ad Arzignano (Vicenza). Per vedere altri dettagli clicca sulla foto.

 

Pavimento in legno e umidità di equilibrio

Devo farti una premessa, fondamentale, che riguarda il legno ed in particolare l'umidità contenuta nelle singole assi al momento in cui vengono posate.
Quando, un po' più sopra, ti parlavo dello "stress" che subisce il pavimento in legno mi riferivo al fatto che l'impianto a pavimento scalda il massetto e di conseguenza il parquet incollato su di esso e provoca una (ulteriore) essiccazione del parquet, che diminuisce il contenuto di umidità ottimale all'interno della tavola. 

Il pavimento in legno dovrebbe, invece, mantenere la sua condizione di umidità ottimale

La normativa Uni En 13226 prevede che il contenuto di umidità standard nel parquet massiccio, al momento della consegna, sia attorno al 10% (dal 7 al 11%). Mentre la norma Uni En 13489 prevede che il contenuto di umidità nel prefinito (la norma lo definisce multistrato) debba essere compresa tra il 5% ed il 9%.

E quindi? 

Parquet su impianto di riscaldamento a pavimento prefinito multicolor a Vicenza
Un modernissimo prefinito in legno multicolor posato su impianto di riscaldamento a pavimento a Montebello Vicentino (Vicenza). Clicca sulla foto per altri dettagli. 

Il parquet si rovina su impianto a pavimento?

L'obiezione sorge quindi spontanea: "Ci sono un sacco di pavimenti in legno posati su impianti a pavimento e non mi sembra che abbiano problemi". Oppure: "Dovrei quindi rinunciare al pavimento in legno per il timore di danni?" 

Vediamo allora di capire bene quali saranno le conseguenze al momento in cui accenderai l'impianto.

Come abbiamo detto dopo qualche giorno il legno inizierà a perdere umidità. La conseguenza più significativa, e facilmente immaginabile, riguarda la riduzione della massa dell'assicella legno a causa di una ulteriore essiccazione della tavoletta di parquet.

La riduzione delle dimensioni della tavola significa e la comparsa di fessure tra una tavola e l'altra. Generalmente la cosa non è grave, anche se esteticamente potrebbe risultare fastidiosa. Ma è una conseguenza che va tollerata: le fessure si richiuderanno con lo spegnimento del riscaldamento a pavimento. 

 

fessure nel prefinito dovute a impianto radiante
La comparsa di fessure nelle teste e nei bordi di questo prefinito doussiè posato a spina pesce dopo l'accensione dell'impianto di riscaldamento a pavimento.

 

Come non stressare troppo il pavimento

In casi gravi la riduzione della massa del legno può anche determinare torsioni o deformazioni. Questo accade quando il parquet scelto è particolarmente sensibile e "nervoso" oppure se viene stressato da un utilizzo improprio dell'impianto radiante o, infine, se sono stati fatti degli errori nella esecuzione del massetto o nella posa del legno. A proposito di massetto e di problematiche che può ingenerare ti suggerisco di leggere questo articolo:

Il massetto per l'impianto di riscaldamento a pavimento

 

Tieni conto che anche la manutenzione ordinaria può avere conseguenze a lungo termine sul tuo pavimento in legno: un pavimento su massetto radiante non va lavato troppo spesso con troppa acqua. 
Ne parliamo in un articolo dedicato proprio alla pulizia dei pavimenti in legno:

Pulizia dei pavimenti in legno

Pavimento in legno in un negozio
Pavimento in legno nel negozio Carmen Vision Care a Longare (Vicenza). Per altri dettagli clicca sulla foto.


 

Il pavimento in legno lascia passare il calore? 

Il secondo motivo di disaccordo tra riscaldamento a pavimento e legno è il fatto che il legno è un cattivo conduttore. Il parquet non conduce energia statica (e questo è positivo) ma è anche un cattivo conduttore del calore. Il pavimento in parquet, insomma, può rappresentare un ostacolo alla diffusione del calore nell'ambiente dal massetto radiante a pavimento.

Anche questo, se ci pensi, è piuttosto intuitivo: le maniglie delle pentole della nonna erano di legno, proprio per non scottarsi. Ma non erano fredde: quindi un po' di calore passava. Quanto calore? Ora lo scopriremo...ma intanto ti anticipo che il calore, pur mettendoci di più, comunque passa. La differenza, rispetto ad altri materiali per pavimenti, sta, quindi, sopratutto nella differente velocità con cui si scaldano

La resistività termica del parquet e degli altri pavimenti

Nella tabella seguente vediamo il confronto tra legno e altri pavimenti, quali piastrelle in ceramica, moquette o linoleum. Il confronto è in termini di capacità di condurre il calore o, meglio, in termini di "resistenza al passaggio del calore": più il valore è alto, meno il prodotto conduce calore.

Un parquet di legno di spessore 10 mm. ha una resistenza al passaggio del calore (resistività termica) di 0,050 contro gli 0,015 di una piastrella in ceramica. Una piastrella conduce meglio il calore rispetto al legno in modo più efficace e più rapido. 

Capacità conduttive o isolanti dei pavimenti

 

Impianto a pavimento: il parquet va bene? 

Queste due prime considerazioni potrebbero portarci a pensare che tutti i legni sono inadatti all'impianto a pavimento. È davvero così? Il pavimento in legno è sconsigliato in caso di impianto a pavimento?  

No, non necessariamente!

Certamente, come abbiamo visto, ci sono dei materiali, quali ad esempio le piastrelle in grès porcellanato, che hanno una migliore conducibilità termica e migliori performance. Ma, seppure più lentamente, anche il legno lascia passare il calore. Se il pannello inferiore su cui appoggiano i tubi è correttamente dimensionato "vincerà" la resistenza isolante del legno ed il calore riuscirà a fuoriuscire dal massetto verso l'alto.  
Certo, servirà un periodo di tempo più lungo e magari uno o due gradi in più di temperatura dell'acqua. Poca cosa rispetto alla bellezza di camminare su un pavimento in legno che emana calore. 

Un altro aspetto da valutare è la differenza tra materiali che sono assolutamente insensibili a variazioni di temperature come quelle determinate dall'impianto a pavimento (ad esempio la piastrella) ed altri che invece  soffrono di perdita di umidità e di massa. Il legno è un materiale "umido", contiene circa un 10% di acqua al momento della posa, per cui qualche criticità in più  da gestire.

Se una quindicina di anni fa, con i primi impianti di riscaldamento a pavimento, queste criticità potevano determinare dubbi o problemi oggi abbiamo superato entrambe queste remore.

Le problematiche che in passato erano dovute alla scarsa conoscenza dell'abbinamento riscaldamento a pavimento/pavimento in legno oggi sono risolte. 
Abbiamo metodi, tecniche e tecnologie che consentono di gestire bene questo "difficile matrimonio" che ormai conosciamo bene ed applichiamo con successo.

 

pavimento in rovere su impianto radiante
Pavimento in rovere piallato a mano in una casa a Vicenza. Per altri dettagli clicca sulla foto.


Quale parquet sul radiante? Massiccio o prefinito?

Il pavimento in legno massiccio presentava, certamente, molte più problematiche sull'impianto a pavimento rispetto al prefinito a due o a tre strati.

L'avvento del prefinito multistrato - che è più stabile e sopporta meglio lo stress causato dal riscaldamento e dalla perdita di umidità - ha consentito un utilizzo più sicuro sugli impianti radianti a pavimento. 

Beninteso: ci è capitato, soprattutto in passato, di dover posare parquet in legno massiccio sopra ad impianti a pavimento. In questo caso occorre essere molto attenti: scegliere produttori di qualità, essenze giuste, essiccati in modo corretto, con spessore e strato di finitura opportunamente calibrati. Tutto deve essere molto accurato per riuscire a garantire un buon comportamento del parquet massiccio sull'impianto radiante.

Certamente, il prefinito "perdona" di più: è in grado di gestire meglio lo stress provocato dall'impianto a pavimento.

Il sistema impianto radiante, massetto, pavimento in legno

 

Solo prefiniti di qualità su impianti radianti

Come sempre accade non si può generalizzare: un prefinito di cattiva qualità (e magari di provenienza "esotica") può comportarsi peggio di un massiccio prodotto con la massima cura.

Una cattiva qualità di un prefinito a due strati, sollecitata dall'impianto radiante, può dare luogo a fenomeni di delaminazione del nobile che compromettono gravemente la funzionalità del pavimento e richiedono interventi invasivi. 

lo strato nobile del prefinito
La delimitazione è il distacco dello strato di legno nobile dal supporto in un parquet prefinito 

 

E' molto importante accertarsi di una serie di caratteristiche del prefinito: tipo di collanti utilizzati per incollare nobile e supporto, tipo di supporto, modalità e tempi di essiccazione del nobile. Noi controlliamo, con visite nello stabilimento, i nostri fornitori. Ma non è ancora sufficiente. 

Vanno eseguiti a regola d'arte anche i lavori di posa del prefinito, controllando il massetto,  rispettando i tempi di maturazione del massetto ed eseguendo lo shock termico. Infine è necessario scegliere la giusta tipologia di legno

Leggi anche: i controlli da fare sul massetto prima della posa

Leggi anche: Lo shock termico

Quali essenze di parquet non sono adatte su impianto radiante?

Quali sono, infine, le essenze di pavimenti in legno più adatte e quali quelle più nervose e quindi NON adatte ad essere posate su un impianto a pavimento? Iniziamo da queste ultime. 

ACERO

L'acero, che nel mondo dei pavimenti è apprezzato per il suo colore chiaro tendente all'avorio con riflessi molto eleganti: purtroppo non è adatto all'impianto a pavimento perché perde molta massa a seguito dell'accensione dell'impianto. Le fessure che si creano sono particolarmente evidenti, vista la colorazione chiara, cosa che ne sconsiglia l'utilizzo. 

Approfondimento: ACERO

CILIEGIO

Il ciliegio è un legno  poco consigliato su impianto di riscaldamento a pavimento in versione massiccia, mentre nella versione multistrato è possibile utilizzarlo. Il suo ritiro dimensionale è leggermente inferiore (0,23 rispetto a 0,25) a quello dell'acero. Per questo non è propriamente un legno consigliato su impianto a pavimento.

Approfondimento: CILIEGIO

FAGGIO

Il faggio ha un ritiro dimensionale superiore ad entrambi i precedenti legni, raggiunge 0,31. Questo unitamente alla colorazione chiara ne sconsiglia l'utilizzo in sovrapposizione su impianto radiante. 

Approfondimento IL FAGGIO

FRASSINO

Il frassino ha un ritiro simile a quello del faggio. Anche questo sconsigliato, tra l'altro anche il frassino  ha una colorazione molto chiara. Se sottoposto a termotrattamento il frassino diventa, invece, assolutamente consigliato. In quel caso la colorazione diventa scura. 

Approfondimento: IL FRASSINO

ABETE E LARICE

I legni resinosi, come Abete e Larice hanno ritiri importanti e non sono considerati legni stabili per cui sono sconsigliati su impianti radianti. Questi legni solitamente vengono proposti in versione a tre strati: in questa versione - e magari scegliendo una posa flottante - il legno acquisisce maggiore stabilità e può essere comunque posato.

WENGE 

Tra i legni esotici il  wengé è caratterizzato da un ritiro elevato e presenta, quindi, problematiche simili ai legni appena visti: va assolutamente evitata, come per gli altri che lo precedono, la posa in versione massiccia mentre per la posa in versione prefinito è necessario verificare con attenzione il tipo di supporto e la costruzione per evitare cattive sorprese.

 

Quali essenze di parquet sono perfette per l'impianto a pavimento?

ROVERE

Il più diffuso ed utilizzato tra i parquet è certamente il Rovere che troviamo in moltissime finiture. Il prefinito di rovere si adatta bene all'impianto radiante e non presenta particolari problematiche. 

Approfondimento: IL ROVERE

NOCE

Altrettanto consigliato è il Noce che ha caratteristiche del tutto simili al rovere come comportamento all'umidità. 

Approfondimento: IL NOCE

ESOTICI

Tra i legni esotici le essenze consigliate su impianti di riscaldamento a pavimento sono Afrormosia, Iroko, Paduk, Teak e Doussiè.

 

Pavimento in legno impianto riscaldamento Verona
Pavimento in rovere prefinito su impianto radiante a pavimento realizzato a Verona. Per vedere altri dettagli del lavoro clicca sulla foto.

 

Dall'impianto radiante al pavimento in legno ultimato

Quali pavimenti in legno hanno il migliore rendimento su impianti a pavimento

Resistenza termica dei vari tipi di parquet 
I PARQUET SPESSORE RESISTENZA TERMICA
acero 10 0,062
acero 15 0,093
rovere 10 0,055
rovere 15 0,083
noce 10 0,058
noce 15 0,088

 

Come vediamo da questa tabella tra un essenza ed un'altra ci sono delle differenze, non molto marcate che passano dallo 0,55 del rovere allo 0,62 dell'acero.
Molto più importante è lo spessore che fa aumentare la resistenza termica notevolmente. 
Attenzione: i test sono stati fatti su dei pavimenti in legno massiccio!
Nel caso di pavimenti prefiniti occorrerà sommare la resistenza termica dello strato di legno nobile con il valore del supporto che dipenderà dal tipo di prefinito scelto.

Sullo strato di supporto trovi informazioni qui:

Leggi anche: QUALE strato di supporto nel prefinitO?

Casa a Vicenza: posa di parquet su impianto a pavimento

Grazie! 

Grazie per aver letto il mio articolo, spero tu abbia le idee un pochino più chiare su questa fantastica coppia: riscaldamento a pavimento + parquet in legno.
Se hai dubbi o domande puoi digitare un commento qui di seguito.
Se, invece,  abiti in provincia di Vicenza o di Verona puoi venirmi a trovare in negozio: sarò felice di spiegarti tutto di persona. Puoi fissare un appuntamento con me compilando la scheda in fondo a questa pagina. 

Qui di seguito ti metto un percorso di lettura se vuoi continuare ad approfondire suggerimenti e consigli per la scelta del pavimento in legno di casa tua.

P.S. Bravo! Più conosci e più ti potrai godere il tuo futuro pavimento! 

10 consigli per la posa del legno su impianto radiante

Scaricati gratis un pdf con 10 consigli per chi deve posare il pavimento in legno su riscaldamento a pavimento

Specializzazione: Parquet e altre pavimentazioni interne ed esterne


Il responsabile del settore parquet della Fratelli Pellizzari è Roberto.

Commenti

Buongiorno, grazie mille innanzitutto per i vostri interessanti e ben documentati articoli!
Rispetto ad un riscaldamento a pavimento, come si comporta il legno di castagno? Se è vero che è poco sensibile alle variazioni di umidità e di temperatura, potrebbe forse essere adatto? Mi piacerebbe l'idea di un pavimento in castagno piallato a mano per una ristrutturazione in cui ho intenzione di utilizzare la tecnologia di riscaldamento a pavimento elettrico tramite pellicola a infrarossi lontani (che verrebbe posta a diretto contatto con il legno, riscaldandosi a circa 40 gradi).
Grazie mille per una vostra risposta, un saluto cordiale.

05/13/2019 - 01:19 - Paolo

Ciao Paolo, 

grazie a te per aver letto i nostri articoli e per i complimenti. Il legno di Castagno va bene su impianto radiante a pavimento. Ti chiedo se riesci ad inviarmi la scheda tecnica del sistema di riscaldamento a pavimento elettrico che vuoi usare in modo da darti una risposta più accurata. Grazie.

05/14/2019 - 18:02 - manager

Gentile Signor Roberto,
il Suo articolo chiaro ed esaustivo ha risposto a tutte le mie domande riguardo all'abbinamento parquet/riscaldamento a pavimento in massetto. Nel caso di riscaldamento a battiscopa, quindi limitato al perimetro delle stanze, qual è la reazione delle essenze più resistenti che Lei ha citato? Il calore ascendente dalle tubature nascoste sotto al battiscopa (quindi sovrastante il parquet, invece che sottostante) può causare fessurazioni, dilatazioni o deformazioni, anche solo perifericamente? Grazie in anticipo per la Sua risposta, e buon lavoro.
Virginia, Torino

07/07/2019 - 16:04 - Virginia

Grazie Virginia per aver letto l'articolo e per i complimenti. 
Il riscaldamento a battiscopa non ha le problematiche di quello a pavimento e lavora in bassa temperatura per cui può causare fessurazioni solamente di trascurabili entità. 
Buona giornata, 

 

07/08/2019 - 10:36 - manager

Grazie per la Sua pronta e gentile risposta, Roberto. Sono felice di non dover rinunciare al calore (in ogni senso) di un parquet in legno utilizzando contemporaneamente forme di riscaldamento più ecologiche e performanti (desidero infatti installare una pompa di calore e pannelli fotovoltaici). Buon pomeriggio a Lei.

07/08/2019 - 18:01 - Virginia

Ho letto con molto interesse tutti gli articoli sul legno e sulle caratteristiche dei parquet. Vorrei sapere se è possibile fare un pavimento anche con il legno di sughera, non con la corteccia ( sughero ) , e che caratteristiche ha. Grazie per la risposta

09/22/2019 - 16:46 - Maria Grazia

Ciao Maria Grazia, 

grazie per aver letto i nostri articoli, spero ti siano stati utili. Non mi risulta che esistano produttori di parquet per pavimento che lavorino la Sughera. Eppure li conosco praticamente tutti. Temo quindi che la risposta sia negativa. Mi spiace, 

buoni lavori! 

 

09/30/2019 - 16:34 - manager

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • La parola "focolare" è passata dal descrivere l'oggetto camino al definire l'ambiente famigliare, l'intimità e la serenità della nostra casa. Spesso si aggiunge l'aggettivo "domestico" per meglio specificare il significato di una parola che sembra conferire un anima all'edificio. È così da centinaia di anni e sarà sempre così: il fascino del fuoco è atavico e non possiamo evitare di rimanerne ipnotizzati.

     

  • Sempre più spesso i clienti vengono invitati a visitare le cantine, a camminare tra le botti, le vasche, i barrique e le bottiglie. Il pavimento di una moderna cantina deve, quindi, abbinare le doti meccaniche a quelle estetiche. Il gres ci viene in aiuto.