Legno flottante o incollato?

Due differenti modalità di posa di un pavimento in legno

11/13/2020 - 17:40

A queste differenti modalità di posa corrispondono due filosofie molto diverse tra loro: in questo articolo esaminiamo pro e contro, senza pretendere di dirimere una questione che impegna da anni molti "filosofi".

 

Argomento Wiki
Posa del parquet

Parquet, flottante o incollato? 

Nelle province di Vicenza e Verona, in cui ci troviamo prevalentemente ad operare, la posa incollata dei pavimenti in legno rappresenta la stragrande maggioranza degli interventi, mentre la posa flottante è richiesta solo da un minor numero di clienti e professionisti.

Qual è la differenza tra i due sistemi di posa del parquet? Perchè scegliere l'uno o l'altro?

Questa è una delle scelte che deve affrontare il cliente quando si trova ad acquistare un pavimento in legno, oltre a dover decidere se vuole un pavimento massiccio o prefinito, oppure se il trattamento di protezione deve essere ad olio o a vernice. Cerchiamo di fare chiarezza o quantomeno di fornire alcune indicazioni utili.

Ti anticipo i vantaggi e gli svantaggi delle due pose che spiegherò, più in dettaglio, nell'articolo: 

 

TIPO DI POSA VANTAGGI SVANTAGGI
Incollata

Pavimento molto stabile
Qualità percepita del pavimento migliore
Adatto ad ogni schema di posa

Pavimento non recuperabile in caso di cambio casa
Il fondo di posa deve essere compatto e perfetto
Più costosa
Tempi più lunghi per essere calpestabile
Flottante  Posa più rapida
Pavimento recuperabile
Costo minore
Si posa anche su fondo non compatto, con massetto che sfarina (bleeding)
Meno stabile
Presenza degli "antipatici" giunti di dilatazione
Non adatto ad ambiente umido (bagno)
Non adatto a schemi di posa particolari
Solo per tavole di grandi dimensioni

 

RUOLO: Responsabile tecnico di cantiere
SEDE: Gambellara

Commenti

Salve,
Con pavimento radiante che tipo di posa suggerite?

Grazie
Gabriele

PS complimenti per il sito!

08/06/2018 - 18:36 - Gabriele

Buongiorno Gabriele,
cerco di rispondere alla sua domanda in maniera tecnica, perché non tutte le essenze del legno si prestano alla posa flottante, mentre la maggior parte dei parquet si possono incollare.

A mio avviso per la posa flottante è auspicabile che il prefinito abbia determinate caratteristiche: 
-  un incastro detto a "click" che consenta di evitare la fessurazione tra le doghe
-  uno spessore di almeno di 15mm per dare una sensazione di solidità al calpestio.

Chiaramente devono essere rispettati alcuni requisiti di base anche nel supporto:
ad esempio si devono rispettare i giunti di dilatazione che sono stati previsti nel massetto; 
il massetto dovrà avere uno spessore costante in tutta la superficie;
dovranno essere rispettati i tempi di maturazione del massetto ed eseguito (dato che si tratta di impianto radiante) lo shock termico.

Al di sotto del pavimento in legno va interposto un materassino e, dato che si posa su impianto radiante, questo materassino dovrà essere certificato e consentire il passaggio del calore.

Come scrivo anche nell'articolo qui sopra, con la posa galleggiante c'è il vantaggio di non utilizzare elementi chimici come i collanti poliuretanici da legno che su di una superficie radiante potrebbero rilasciare VOC. Va detto che oggigiorno molti produttori hanno immesso sul mercato collanti certificati ecocompatibili e privi di solventi. 

La posa incollata, che solitamente io consiglio per la maggioranza dei pavimenti, da una sensazione al calpestio di compattezza e solidità e si possono evitare alcuni giunti di dilatazione (va comunque rispettata le norme sui giunti).

Quanto premesso per dirti che con il riscaldamento a pavimento si possono utilizzare tutti e due i sistemi di posa a patto che siano state rispettate alcune condizioni, in particolare i tempi di asciugatura del massetto e lo shock termico.
Ti ringrazio per la domanda ed il feedback positivo sul nostro sito

Buona giornata!

12/03/2018 - 11:14 - manager

Buonasera,
ho acquistato un parquet di 11 mm con strato nobile di 4,5. Verrà posato su un pavimento preesistente (anche se con una piccola pendenza) e a me piacerebbe che la posa fosse flottante mentre invece mi dicono che per il suo spessore deve essere per forza incollato. E' così? quale contro indicazione avrei se lo facessi posare flottante? Grazie mille

01/22/2019 - 23:57 - armando

Buongiorno Armando, 
le informazioni che ci fornisce non sono sufficienti per stabilire se il parquet acquistato può essere posato flottante. Avrei bisogno anche di sapere larghezza, lunghezza della tavola e stratigrafia (che strati ci sono sotto al nobile? di che materiale?). 
Nel catalogo del produttore o nella scheda tecnica del prodotto sicuramente sarà scritto se il legno può essere posato anche flottante o se deve essere posato solo a colla. 
Generalmente una tavola di piccole dimensioni (ex larghezza 70/80 mm. lunghezza 60/80 cm.) e realizzata in due strati (ad esempio betulla+nobile o multistrato di abete+nobile) non può essere posata flottante.

Le minori dimensioni della tavola impedirebbero stabilità e planarità del pavimento. 

grazie per la domanda,
buona giornata

01/23/2019 - 07:28 - manager

Per le aule di una scuola materna dove è previsto un pavimento in legno a listoni coca consigliate inchiodato, incollato oppure flottante ? grazie

02/11/2019 - 17:01 - PAOLO LEGNANI

Buon giorno Paolo
tutte e tre le pose vanno bene purchè nel rispetto delle normative vigenti.
Per esperienza scarterei la posa inchiodata perchè tecnicamente superata e la posa flottante per il problema acustico che hai letto nell'articolo, considera che in una scuola materna il traffico è molto elevato e spesso "irrequieto" :)
resta quindi la soluzione a mio parere più consona che è la posa incollata.

Aggiungo un'altra cosa, valuta attentamente la tipologia di legno, ad esempio nel tuo caso l'industriale prefinito potrebbe mitigare eventuali danni e soprattutto i segni dell'usura dovuti all'intenso utilizzo. Un'altra alternativa interessante potrebbe essere il bamboo density, attualmente uno dei materiali più simili al legno (il bamboo è classificato come erbacea) ma con resistenza al graffio/urto più alte

Grazie della domanda e buona giornata
Roberto

Buongiorno, sono in procinto di posare un pavimento predefinito di larice vecchio la mia scelta per il tipo di legno e la dimensione dello spazio "vuoto" è quella di postarlo incollato. Volevo un'informazione e un suggerimento sulle fughe perimetrali di dilatazione. Siccome da una parte andrà a filo di un pavimento in piastrella, mentre tutte le altre pareti sono in pietra vista, a parte una piccola a metà stanza che rivestiro in legno, posso evitare di fare la fuga per non mettere alcun battiscopa contro la pietra vista, o rischiò che mi si alzi, quello incollato dovrebbe dilatarsi molto meno rispetto al flottante. Grazie

07/04/2019 - 07:49 - Mirko

Ciao Mirko, 

Abbiamo affrontato questo argomento - come finire il pavimento legno contro una parete in pietra? -  in questo articolo:
https://www.fratellipellizzari.it/blog/pavimento-legno-rivestimento-pietra 

Nell'articolo trovi anche una soluzione per consentire la dilatazione del pavimento in parquet contro la parete in pietra.
Ciao!

 

07/08/2019 - 11:27 - manager

Buon giorno, vorrei domandarle qual è, secondo lei, il parquet prefinito migliore dal punto di vista del prezzo ( economico) e nella resistenza al graffio. Lei suggeriva per una scuola il bamboo density, anche per un'abitazione può andar bene? Grazie per la gentile risposta e complimenti per il sito.

09/25/2019 - 09:53 - MAURIZIO

Ciao Maurizio, 

se ci fosse un prodotto migliore avremmo solo quello e nient'altro e spenderemmo molto meno di IMU, di riscaldamento e di condizionamento 
A parte gli scherzi, è difficile consigliarti un prodotto senza valutare bene le tue necessità. Tu mi scrivi "resistenza al graffio", beh certamente il Bauwerk verniciato con vernice B-protect è estremamente resistente al graffio MA se si graffia non c'è nulla che si possa fare. 
Lo stesso legno trattato ad olio è più vulnerabile al graffio ma, a patto che si tratti di un graffio leggero, è possibile ripristinare la superficie con un po' di olio ed una spugnetta abrasiva. Ma queste cose dovrei fartele vedere qui, in negozio, ed insieme dovremmo ragionare su quale delle due soluzioni fa per te. 
Insomma... le risposte facili rischiano di essere sbagliate. 

grazie e... vienici a trovare! 

 

09/30/2019 - 16:44 - manager

Salve io vorrei dei chiarimenti . ho acquistato del parquet a listoni 190/210cm di 3 strati 15 mm nobile 5,5 mm, secondo lei qual'e' la posa migliore che potrei far fare per non sentire rumori o scricchiolii fastidiosi oltre alla maggiore stabilita'? le chiedo questo perche' varie ditte consigliano il flottante. Lei cosa mi consiglia? grazie

11/08/2019 - 20:29 - mauro

Ciao Mauro, 

se non vuoi sentire rumori o scricchiolii devi scegliere la posa incollata.

grazie,

ciao

11/19/2019 - 11:58 - manager

Buongiorno, ho acquistato per la ristrutturazione di casa di un mio cliente un Parquet in rovere le cui caratteristiche riporto di seguito; premesso che il tipo di parquet prevede sia il montaggio flottante che l'incollato, vorrei gentilmente chiedere, in base alle caratteristiche del parquet scelto, se è preferibile il montaggio con colla o flottante; e quali sono i punti di forza in un caso e/o nell'altro. SCHEDA TECNICA: DENOMINAZIONE PRODOTTO: ROVERE L.D.D.IMPERO H2O SP.BIS. MARE Nome botanico: QUERCUS SPP. EN 14342 Tipo di posa: incollata, flottante SPESSORE mm 12 +/- 0,5 mm LARGHEZZA mm da 110 a 230 LUNGHEZZA mm da 600 a 3800 Angoli bisellati e superficie spazzolata con trattamento a vernice a base d'acqua ad effetto estremamente naturale. STRUTTURA: 1° strato: essenza nobile. Conferisce l'aspetto emozionale alle tavole e unitamente alle lavorazioni che lo riguardano garantiscono la qualità della finitura e la durabilità nel tempo. 2° strato: supporto in compensato di betulla. Qualitativamente superiore rispetto a tutti gli altri legni utilizzati per la costruzione di multistrati più economici (es. multistrati in abete o pioppo); garantisce, anche per la particolare struttura a fibra trasversale, le migliori prestazioni meccaniche quali il mantenimento della geometria dimensionale nel tempo. Incollaggio acetovinilico in classe D3 speciale caratterizzato da ottima resistenza all'umidità in conformità alle norme UNI-EN204/205. Grazie Cordiali saluti. Valentina

01/08/2020 - 14:49 - Valentina Giglietto

Ciao Valentina, 

Il tipo di parquet acquistato è un prefinito a due strati con supporto in betulla per il quale ti consiglio la posa a colla. I punti di forza, rispetto alla posa flottante, sono riferibili principalmente alla migliore sensazione che ti dà il pavimento camminandoci sopra: più stabile, più fermo, non cede sotto al peso dei passi. Insomma non ti dà quella sensazione di "provvisorio" tipica dei pavimenti galleggianti, siano laminati, PVC oppure parquet in vero legno. 
Va detto che un pavimento in legno flottante perdona anche un posatore "poco esperto" mentre un parquet incollato richiede una posa attenta e rigorosa. Trovi altre indicazioni sul prefinito a due strati qui:

https://www.fratellipellizzari.it/blog/parquet-prefinito-due-strati

grazie per la domanda, ciao! 

01/09/2020 - 09:57 - manager

Buongiorno devo montare un prefinito sopra un'altro parquet volevo sapere se posso utilizzare la posa incollata.
Il venditore dice che e' possibile e che e' meglio della posa flottante.
Nel soggiorno invece ci sono mattonelle di cui alcune rotte dovuto sicuramente a un assestamento.
Anche in questo caso la posa incollata va bene?
Grazie

02/11/2020 - 08:55 - Chiara Fognani

Buongiorno Chiara, grazie per la domanda. 

Per la sovrapposizione del parquet su piastrelle ti consiglio di leggere questo articolo:

https://www.fratellipellizzari.it/blog/posa-parquet-su-pavimento-esistente

Per quanto concerne la possibilità di posare il parquet sopra ad un altro parquet è sicuramente fattibile, il consiglio del venditore è corretto. Sul fatto, invece, che sia meglio o peggio della posa flottante, non c'è una risposta definitiva: dipende dalle differenti situazioni come ho scritto nell'articolo qui sopra. 

Grazie per averci scritto, buona giornata

02/11/2020 - 10:14 - manager

Buongiorno ma è possibile incollare un pavimento massello di abete su un vecchio pavimento,? O devo inchiodarlo? Grazie

07/10/2020 - 10:33 - Omar

Ciao Omar, 

prima devo premettere che l'abete non è il massimo come pavimento: è piuttosto morbido e nervoso (poco stabile). 
In ogni caso certamente puoi sovrapporre un pavimento in legno su un precedente pavimento in legno mediante incollatura. Trovi tutto qui: 

https://www.fratellipellizzari.it/blog/posa-legno-su-pavimento-esistente-legno

ciao!

07/20/2020 - 15:36 - manager

salve desideravo sapere se un parquet che sulla scheda tecnica cè scritto che la posa deve avvenire con la colla , mentre il mio posatore l'hà messa flottante, dopo un po di tempo al centro delle stanze si è riconviato tutto

11/25/2020 - 10:08 - andrea

Buongiorno Andrea, 

non tutti i parquet possono essere posati flottanti, per questo è necessario seguire quanto prescritto in scheda tecnica. L'unica soluzione è rimuovere il pavimento, che dovresti riuscire a recuperare quasi in toto, e ri-posarlo a colla.

ciao!

11/25/2020 - 10:37 - manager

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • La sostituzione di una vecchia caldaia con bruciatore a gasolio con una nuova caldaia acquistata da F.lli Pellizzari ha permesso al nostro cliente di vedersi accreditato nel conto corrente il 65% della spesa dopo soli 4 mesi dall'acquisto!

  • Così come per gli altri elementi di arredo del bagno, anche per il lavabo abbiamo oggi moltissime possibilità. Nuove forme, nuovi materiali e nuove tecnologie si rincorrono per darci una scelta sempre più ampia.
    Cerchiamo, con questo articolo, di fare ordine all'interno della gamma di possibilità oggi disponibili.

     

  • Lasciati conquistare e coinvolgere dagli interni di questa abitazione dove il legno, molto scuro, denso e profondo, ci accoglie sulla porta di casa e ci accompagna in tutti gli ambienti divenendo il comune denominatore di una casa ricca di sensazioni.

  • In questo approfondimento spiegheremo che cos'è il massetto, quali sono le funzioni, perché è così importante per la posa  a regola d'arte di un pavimento.