Legno flottante o incollato?

Due differenti modalità di posa di un pavimento in legno

10/25/2018 - 16:27

A queste differenti modalità di posa corrispondono due filosofie molto diverse tra loro: in questo articolo esaminiamo pro e contro, senza pretendere di dirimere una questione che impegna da anni molti "filosofi".

 

pavimento legno posa incollata flottante Vicenza
Argomento Wiki
Posa del parquet

Parquet, flottante o incollato? 

Nelle province di Vicenza e Verona, in cui ci troviamo prevalentemente ad operare, la posa incollata dei pavimenti in legno rappresenta la stragrande maggioranza degli interventi, mentre la posa flottante è richiesta solo da un minor numero di clienti e professionisti.

Qual è la differenza tra i due sistemi? Perchè scegliere l'uno o l'altro?

Questa è una delle scelte che deve affrontare il cliente quando si trova ad acquistare un pavimento in legno, oltre a dover decidere se vuole un pavimento massiccio o prefinito, oppure se il trattamento di protezione deve essere ad olio o a vernice. Cerchiamo di fare chiarezza o quantomeno di fornire alcune indicazioni utili.


Cos'è la posa flottante?

La posa flottante avviene quando un parquet viene semplicemente appoggiato ad un piano di posa (tipicamente un pavimento esistente o massetto), risultando quindi “flottante” o “galleggiante”.
 

Approfondisci: il MASSETTO per il pavimento in legno >>


La posa può essere fatta a secco, se l’incastro tra una tavola e l’altra è a click autobloccante oppure può avvenire con colla vinilica da inserire nell’incastro maschio-femmina.  
Solitamente il pavimento si appoggia su un materassino (a meno che non sia già preincollato sotto alla tavola) che funge da appoggio e da isolamento acustico per ridurre lo spiacevole effetto rimbalzo del suono del calpestio. 
 

È adatta a chi…

…a chi ha un sottofondo sconnesso e ruvido.
Oppure a chi vuole avere la possibilità in futuro di smontare facilmente il parquet, per sostituirlo o, magari, per riposarlo in un altro luogo. In questo caso va precisato che sarà recuperabile solo in parte. Infatti stanze diverse avranno tavole tagliate e dimensionate diversamente.  

Il pavimento galleggiante è più indicato per chi è attento all’ambiente e alla salubrità della propria abitazione: questa soluzione consente di evitare l'utilizzo di collanti per far aderire il parquet al massetto. Insomma si evita di mettere all'interno della casa - già satura di prodotti chimici - un ulteriore sostanza artificiale. 

Un altro motivo per scegliere la posa flottante è l'esigenza di ridurre il passaggio di rumore dal piano di calpestio agli ambienti sottostanti. Il materassino, al di sotto del parquet, influisce notevolmente nel ridurre il rumore del calpestio percepito da chi abita al piano di sotto. 
 

Approfondimento: pavimenti ed acustica >> 


Infine è la scelta ideale per chi vuole preservare un pavimento sottostante da non rovinare: si pensi alla necessità di sovrapporre un pavimento in legno su di un prezioso pavimento in marmo o in veneziana
 

La posa incollata del legno 

Questo tipo di posa è la più conosciuta e permette di incollare, tramite adesivo, il vostro parquet.
Questa posa deve essere fatta su un piano di posa solido, asciutto, pulito e piano.

L'incollaggio può essere eseguito sia su di un pavimento esistente sia su un massetto cementizio con le opportune prescrizioni e precauzioni in caso di massetto radiante.

 

È adatta a chi…

…vuole una sensazione più solida sotto i piedi, a chi non vuole vedere giunti tra una stanza e l’altra, a chi vuole posare il parquet anche in bagno e a chi ha il riscaldamento a pavimento.
 


Ogni posa ha il suo.. parquet!

Sul mercato esistono molti tipi di parquet, come regola generale possiamo dire però che quello in legno massello si incolla a terra (o si inchioda su magatelli) quasi sempre, tranne i rari casi in cui abbia un aggancio a click con un incastro che lo blocchi: solo in quel caso potrà essere posato  flottante.

Per quanto riguarda invece i parquet prefiniti, caratterizzati cioè da uno strato di legno nobile e da un supporto multistrato, escludendo quelli di minore dimensione (listoncino e listone) che vanno obbligatoriamente incollati, sono molti quelli che possono essere posati sia flottanti che incollati.

L'aggancio a click che connette ed incastra meglio la tavola favorisce sicuramente la posa flottante ma molti produttori garantiscono la posa flottante anche con un semplice incastro maschio o femmina.

Anche le condizioni dei massetti influiscono sulla scelta: un massetto cementizio perfettamente asciutto accetta sia la posa a colla che un pavimento flottante.
Ma se il massetto è ancora (leggermente) umido e c'è urgenza di portare a termine il lavoro è consigliabile una posa flottante con un telo in PVC antiumidità sotto il tappetino.

Posa del parquet: incollata o flottante?

Sergio Girardi - Fratelli Pellizzari

Specializzazione: Responsabile tecnico di cantiere

Commenti

Salve,
Con pavimento radiante che tipo di posa suggerite?

Grazie
Gabriele

PS complimenti per il sito!

08/06/2018 - 18:36 - Gabriele

Buongiorno Gabriele,
cerco di rispondere alla sua domanda in maniera tecnica, perché non tutte le essenze del legno si prestano alla posa flottante, mentre la maggior parte dei parquet si possono incollare.

A mio avviso per la posa flottante è auspicabile che il prefinito abbia determinate caratteristiche: 
-  un incastro detto a "click" che consenta di evitare la fessurazione tra le doghe
-  uno spessore di almeno di 15mm per dare una sensazione di solidità al calpestio.

Chiaramente devono essere rispettati alcuni requisiti di base anche nel supporto:
ad esempio si devono rispettare i giunti di dilatazione che sono stati previsti nel massetto; 
il massetto dovrà avere uno spessore costante in tutta la superficie;
dovranno essere rispettati i tempi di maturazione del massetto ed eseguito (dato che si tratta di impianto radiante) lo shock termico.

Al di sotto del pavimento in legno va interposto un materassino e, dato che si posa su impianto radiante, questo materassino dovrà essere certificato e consentire il passaggio del calore.

Come scrivo anche nell'articolo qui sopra, con la posa galleggiante c'è il vantaggio di non utilizzare elementi chimici come i collanti poliuretanici da legno che su di una superficie radiante potrebbero rilasciare VOC. Va detto che oggigiorno molti produttori hanno immesso sul mercato collanti certificati ecocompatibili e privi di solventi. 

La posa incollata, che solitamente io consiglio per la maggioranza dei pavimenti, da una sensazione al calpestio di compattezza e solidità e si possono evitare alcuni giunti di dilatazione (va comunque rispettata le norme sui giunti).

Quanto premesso per dirti che con il riscaldamento a pavimento si possono utilizzare tutti e due i sistemi di posa a patto che siano state rispettate alcune condizioni, in particolare i tempi di asciugatura del massetto e lo shock termico.
Ti ringrazio per la domanda ed il feedback positivo sul nostro sito

Buona giornata!

12/03/2018 - 11:14 - manager

Buonasera,
ho acquistato un parquet di 11 mm con strato nobile di 4,5. Verrà posato su un pavimento preesistente (anche se con una piccola pendenza) e a me piacerebbe che la posa fosse flottante mentre invece mi dicono che per il suo spessore deve essere per forza incollato. E' così? quale contro indicazione avrei se lo facessi posare flottante? Grazie mille

01/22/2019 - 23:57 - armando

Buongiorno Armando, 
le informazioni che ci fornisce non sono sufficienti per stabilire se il parquet acquistato può essere posato flottante. Avrei bisogno anche di sapere larghezza, lunghezza della tavola e stratigrafia (che strati ci sono sotto al nobile? di che materiale?). 
Nel catalogo del produttore o nella scheda tecnica del prodotto sicuramente sarà scritto se il legno può essere posato anche flottante o se deve essere posato solo a colla. 
Generalmente una tavola di piccole dimensioni (ex larghezza 70/80 mm. lunghezza 60/80 cm.) e realizzata in due strati (ad esempio betulla+nobile o multistrato di abete+nobile) non può essere posata flottante.

Le minori dimensioni della tavola impedirebbero stabilità e planarità del pavimento. 

grazie per la domanda,
buona giornata

01/23/2019 - 07:28 - manager

Per le aule di una scuola materna dove è previsto un pavimento in legno a listoni coca consigliate inchiodato, incollato oppure flottante ? grazie

02/11/2019 - 17:01 - PAOLO LEGNANI

Buon giorno Paolo
tutte e tre le pose vanno bene purchè nel rispetto delle normative vigenti.
Per esperienza scarterei la posa inchiodata perchè tecnicamente superata e la posa flottante per il problema acustico che hai letto nell'articolo, considera che in una scuola materna il traffico è molto elevato e spesso "irrequieto" :)
resta quindi la soluzione a mio parere più consona che è la posa incollata.

Aggiungo un'altra cosa, valuta attentamente la tipologia di legno, ad esempio nel tuo caso l'industriale prefinito potrebbe mitigare eventuali danni e soprattutto i segni dell'usura dovuti all'intenso utilizzo. Un'altra alternativa interessante potrebbe essere il bamboo density, attualmente uno dei materiali più simili al legno (il bamboo è classificato come erbacea) ma con resistenza al graffio/urto più alte

Grazie della domanda e buona giornata
Roberto

02/12/2019 - 08:45 - roberto@fratel…

Buongiorno, sono in procinto di posare un pavimento predefinito di larice vecchio la mia scelta per il tipo di legno e la dimensione dello spazio "vuoto" è quella di postarlo incollato. Volevo un'informazione e un suggerimento sulle fughe perimetrali di dilatazione. Siccome da una parte andrà a filo di un pavimento in piastrella, mentre tutte le altre pareti sono in pietra vista, a parte una piccola a metà stanza che rivestiro in legno, posso evitare di fare la fuga per non mettere alcun battiscopa contro la pietra vista, o rischiò che mi si alzi, quello incollato dovrebbe dilatarsi molto meno rispetto al flottante. Grazie

07/04/2019 - 07:49 - Mirko

Ciao Mirko, 

Abbiamo affrontato questo argomento - come finire il pavimento legno contro una parete in pietra? -  in questo articolo:
https://www.fratellipellizzari.it/blog/pavimento-legno-rivestimento-pietra 

Nell'articolo trovi anche una soluzione per consentire la dilatazione del pavimento in parquet contro la parete in pietra.
Ciao!

 

07/08/2019 - 11:27 - manager

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • Scivolosità pavimenti in ceramica

    La normativa italiana sulle superfici antiscivolo è decisamente insufficiente. È necessario che il progettista vada oltre la normativa e che sia in grado di proporre dei pavimenti adatti specifiche condizioni di utilizzo. Magari considerando anche le normative - più evolute - utilizzate da altre nazioni in Europa. 

  • Fase di posa del mosaico su parete tonda

    Le foto ed il video di posa di un progetto intrigante, che nasce grazie alla splendida collaborazione con un Architetto e con la committente e che regala vivacità ad un ambiente bellissimo. 

  • betulla legno pavimento parquet Veneto

    Questa pianta che troviamo comunemente nei colli berici, nelle nostre colline e nelle prealpi Venete, è da sempre conosciuta per la sua corteccia bianca e per le sue proprietà curative, ma è molto importante anche nel mondo dei pavimenti in legno.

  • tempistiche di un cantiere

    Quali sono le operazioni preliminari e le tempistiche corrette per la posa di un pavimento? In questo articolo cercheremo di rispondere a queste domande.