Impianto di riscaldamento a pavimento

"Non mi fai né caldo né freddo,
mi fai una temperatura bellissima."

(MLicenza, Twitter)

01/28/2021 - 16:42

Perché l'impianto di riscaldamento a pavimento è il sistema di riscaldamento più richiesto ed utilizzato nelle nostre zone?
In questo articolo esaminaremo le origini, le caratteristiche, i pregi ed i difetti di questo sistema di riscaldamento.

Riscaldamento a pavimento

Devi fare un impianto di riscaldamento a pavimento? Vuoi sapere come funziona un impianto radiante e quali sono i suoi pregi e difetti?
In questo articolo troverai tutto quello che devi sapere per scegliere correttamente l'impianto di riscaldamento a pavimento per casa tua.

Impianto di riscaldamento a pavimento in fase di posa


Se, invece, sai già tutto e ti interessa solo avere un preventivo, puoi scorrere l'articolo fino alla fine e compilare la richiesta di informazioni
Ma tieni presente che noi operiamo solo nelle province di Vicenza e Verona, per riuscire a dare la giusta assistenza al cliente. 

Il pavimento radiante: dall'antica Roma a Vicenza

Caminetti, stufe a legna ed a pellets, ventilconvettori, termosifoni, piastre radianti, riscaldamento a pavimento, a soffitto, a parete e a battiscopa... nella nostra epoca non c'è che l'imbarazzo della scelta per quanto riguarda il sistema di riscaldamento del quale dotare la nostra abitazione o il luogo di lavoro. In questo articolo ti spiegherò i motivi per cui l'impianto radiante è, attualmente, il più utilizzato nelle nuove costruzioni o nelle ristrutturazioni "importanti". 

Gli argomenti di cui ti parlerò in questo articolo sono:

 

 

RUOLO: Responsabile settore Idraulica
SEDE: Idraulica Gambellara


Da 20 anni Diego, nato ad Arzignano e residente a Schio (Vicenza), dirige il settore idraulica della Fratelli Pellizzari.

Commenti

Buongiorno,
siamo interessati a eseguire impianto di riscaldamento a pavimento nella ns abitazione di 110 mq sita al terzo piano.
E' possibile richiedere un preventivo gratuito?
Grazie
Saluti

Chiara Nardelli

01/29/2019 - 13:07 - Chiara Nardelli

Certamente Chiara, 

La contatto in privato sulla mail che ha lasciato, 

grazie! 

 

01/30/2019 - 10:19 - manager

Buon giorno, io e mia moglie abbiamo appena comperato una casa e vorremmo riqualificarla mettendo il riscaldamento a pavimento. Mi chiami pure per un incontro. Cordialmente Fabio

06/18/2019 - 22:33 - Fabio Zocca

Ciao Fabio, 

grazie per aver letto l'articolo e per la richiesta di contatto. 
Devo precisarti, però, che noi operiamo solamente nelle zone di Vicenza e di Verona.

Grazie e buona giornata

 

06/19/2019 - 09:29 - manager

Salve, sono in corso lavori di ristrutturazione in mio rustico sotto la Rocca di Brendola (VI). Vorrei installare impianto di riscaldamento a pavimento in 50mq del piano terra. Grazie per riscontro. Cordiali saluti. 

09/09/2020 - 11:20 - Tommaso Scalise

Ciao Tommaso, 

ti abbiamo fatto contattare dal nostro commerciale. 

a presto

10/05/2020 - 11:41 - manager

Buonasera, vi scrivo per chiedere il vostro supporto ad una problematica che purtroppo sto riscontrando da circa 20 giorni nella mia casa.
Nel 2016 ho installato un impianto a pavimento viessmann con pannello bugnato e tubo pexc da 17 mm. Il massetto utilizzato è un autolivellante cementizio della Fassa Bortolo sa500. Dopo la posa del massetto ho aspettato il necessario tempo di maturazione ed è stato eseguito lo shock termico (programma tra l' altro già previsto nell' caldaia stessa). Il sottofondo è stato realizzato con cemento e sabbia mischiati alla argilla espansa.
Il piastrellista per la posa delle piastrelle rettificate formato 20x80 e 10x80 (con fuga minima) ha utilizzato la colla kerakoll bioflex S1. La fuga è stata stuccata con il prodotto kerakoll fugabella. I battiscopa non sono stati stuccati volutamente e presentano delle fessure. La bandella perimetrale è stata tagliata filopavimento.
Approfitto della vostra grande esperienza (che ho potuto verificare da internet) per porvi il seguente quesito. Come detto pocanzi, da circa 20 giorni ho un problema a cui non riesco a dare una soluzione. Cercherò di spiegarlo nella maniera più semplice possibile, quindi vogliate scusare il mio poco tecnicismo. In pratica, al 5° inverno ormai di accensione, quanto l impianto è in funzione si percepiscono degli scricchiolii provenienti da alcune porzioni del pavimento. Inoltre calpestando il pavimento in alcune zone sembra che sia il pavimento che i telai delle porte "scrocchino" . La cosa strana è che tornando indietro sulle piastrelle calpestate questi rumori non si ripresentano ma solo dopo molto tempo. Non sono presenti nessun tipo di lesioni sul pavimento e sulle fughe. Le piastrelle non cantano a vuoto (percosse una ad una con un manico di scopa).
Credo sia un problema di dilatazione termica (ma si presenta dopo 5 anni?) e quindi immagino che il pavimento " sia in tensione".
Ho chiesto a tutti gli installatori che sono intervenuti, ma nessuno riesce a darmi una spiegazione. Quello che posso dire è che il posatore del massetto autolivellante ha inserito dei giunti in PVC credo sulle soglie di tutte le porte. Tali giunti non sono stati riportati sul pavimento.
Ripeto, la cosa strana è che per 5 anni non ho avuto nessun tipo di problema.
Onde evitare problemi futuri, faccio appello, umilmente, alla vs professionalità, capacità ed esperienza che sono convinto possano essere di aiuto per cercare di trovare una soluzione al problema.
Vi lascio i miei recapiti nel caso vogliate delle informazioni aggiuntive.
Si ringrazia anzitempo per la vostra cortesia e disponibilità.

12/12/2020 - 14:43 - pierluigi

Buonasera Pierluigi,
il pavimento radiante ha una dilatazione non uniforme e ogni abitazione è una storia a parte. Il suo pavimento, come dice lei, è in tensione e nel momento in cui che accende il riscaldamento a pavimento fa disidratare la poca umidità acquisita durante il periodo estivo facendo sì che il massetto si stacchi dal sottofondo in argilla creando dei vuoti che al calpestio vengono percepiti.
Altra cosa da valutare è se la caldaia ha una sonda che modula la temperatura dell’acqua di mandata in base alla temperatura esterna. Magari in un periodo freddo improvviso questo può far salire l’acqua di mandata di qualche grado facendo comprimere ancora di più il pavimento. Una volta avuto lo scricchiolio il pavimento si è adagiato al sottofondo, però essendo in tensione ha una specie di effetto memoria e torna com’era nel tempo medio di 2/3 giorni.
Il consiglio che posso darle è quello di riportare in superficie i giunti, dove li avevamo posizionati gli esecutori del massetto, creando una fessura sul pavimento che poi verrà siliconata con lo stesso colore della fuga.

Grazie,
Sergio.

12/12/2020 - 15:00 - manager

Ciao,
ho intenzione di posare l'impianto di riscaldamento a pavimento a casa mia ma sto ristrutturando a Cremona e leggo che voi non fate questi lavori fuori dal veneto. Vorrei approfittare del 110% per rifare anche il cappotto, i serramenti e isolare il tetto.
Il dubbio che ho è che sopra all'impianto di riscaldamento a pavimento vorrei mettere il parquet ma mi dicono che sarebbe necessario installare la ventilazione meccanica altrimenti se non apro e chiudo le finestre tutti i giorni con il cappotto avrò più umidità in casa.
Ma la ventilazione meccanica costa troppo per me.
E' vero che se non apro e chiudo le finestre rischio che il parquet venga danneggiato dall'umidità? Noi lavoriamo tutti e due e non so se ci ricordiamo di aereare tutti i giorni... devo rinunciare al parquet?

04/23/2021 - 16:29 - enzo

Ciao Enzo,

l'utilizzatore finale ha il compito di garantire condizioni ambientali consigliate e contenute nella scheda prodotto del materiale, nel tuo caso del parquet, come stabilito dal DL 5 settembre 2005 n. 206 e successive modifiche.
Il rispetto di queste condizioni, però, non giova solo al pavimento in legno, ma soprattutto al benessere fisico tuo e delle persone che vivranno nella tua rinnovata casa.
Per questo motivo ti consiglio di valutare, almeno, una ventilazione puntuale. La ventilazione meccanica ha un costo che supera i 5.000 euro e in qualche caso si avvicina ai 10.000 euro. Mentre quella puntuale costa circa 500 euro per ogni apparecchio e ti garantisce un minimo di aerazione sufficiente al benessere del parquet.

ciao!

04/23/2021 - 16:32 - michele

Ciao e grazie per le informazioni che date!
Vorrei posare il parquet sopra ad un impianto di riscaldamento a pavimento. Mi sono letto la scheda prodotto del produttore del parquet e scrive che dovrebbe esserci un limite superiore alla temperatura di mandata dell'acqua nell'impianto.
Ho chiesto all'idraulico ed anche al termotecnico se si riesce a far mettere un limitatore di temperatura ma mi dicono che non è possibile perché la normativa impone l’adozione di regolazioni climatiche.
Ne consegue che la temperatura di mandata dell'impianto è in funzione di quella esterna. Ad esempio se la temperatura esterna è -5°C la temperatura di mandata sarà di 35°C.
In questo esempio la temperatura sarà superiore ai 33 gradi indicati dalla scheda tecnica del produttore.
Se poi la temperatura esterna scende a -10° la temperatura di mandata sarà di 40°C
Quindi io non posso garantire, sempre e in ogni condizione, che la temperatura di mandata sia inferiore ai 33°C come scritto nella scheda tecnica del parquet. Magari sarà per pochi giorni o per una settimana, ma può accadere che la si superi, non c’è nulla da fare!
Questo significa che non posso posare un parquet?

04/23/2021 - 16:48 - Giovanni

Ciao Giovanni e grazie per la tua domanda.

La temperatura di mandata di un impianto di riscaldamento a pavimento può certamente variare in relazione alle varie disposizioni previste dalla legge 10, ma la condizione essenziale è che

  • la temperatura superficiale di esercizio della pavimentazione lignea non superi i 25/26°C e che
  • vengano mantenute le condizioni ambientali di cui ho parlato nella risposta data ad Enzo.

Pertanto il fluido caldo di mandata dalla caldaia all'impianto di riscaldamento a pavimento deve potere essere gestito rispettando sia le variazioni di temperatura esterna ma rispettando anche i parametri citati e questo permetterà al pavimento di legno di godere di una lunga durata e di un'ottima stabilità.

grazie per averci consultato, ciao!

04/23/2021 - 16:53 - michele

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • Moderne tecniche e piccole accortezze ci permetteranno di godere della bellezza di un pavimento in legno anche in bagno.

  • Raccolta dei progetti bagno di Erica, progettista specializzata in arredobagno e bagni wellness. Lasciati ispirare dal suo tocco personale.. e se qualche progetto ti ispira particolarmente, fateglielo sapere commentando qui sotto o venendo a conoscerla di persona!

  • Maria con questo articolo ti aprirà le porte di in una casa di nuova costruzione che abbiamo progettato e rifinito in provincia di Vicenza. Le idee della coppia di clienti sono state da noi integrate per ottenere un risultato moderno ma non minimal.

  • Questa volta Chiara si è occupata della realizzazione di una cucina su misura in una casa in stile industrial: per due fidanzati appassionati dell'arte culinaria è stato un sogno divenuto realtà!