Come realizzare un piatto doccia in piastrelle

Errori da evitare, consigli e trucchi da adottare

11/05/2019 - 10:59

3 sistemi per realizzare un piatto doccia a filo-pavimento (o incassato) e rivestirlo in piastrelle. 

Argomento Wiki
Piatto doccia

Il piatto doccia filopavimento in piastrelle

Se devi fare un nuovo bagno oppure ristrutturare l'esistente, puoi scegliere tra acquistare un piatto doccia (se clicchi su "piatto doccia" potrai vedere i vari tipi) che poi posizionerai all'interno del bagno, oppure se adottare la soluzione di avere un unico pavimento che ti accompagna anche all'interno della doccia. Noi lo chiamiamo "piatto doccia in piastrelle" oppure "complanare" o "filopavimento". 

Nomi differenti per definire una soluzione estremamente pratica, comoda, ed esteticamente all'avanguardia. 

Qui in negozio mostriamo entrambe le soluzioni ai nostri clienti e quasi tutti preferiscono, esteticamente, questa seconda soluzione, anche se non sempre è possibile realizzarla (ci sono dei requisiti indispensabili). 

In questo articolo approfondiremo come si realizza un piatto doccia filopavimento e vedremo anche, grazie a delle gallery di foto, alcune realizzazioni. 

Ecco gli argomenti.

 

Un piatto doccia in piastrelle: durante la posa e ultimato

Partiamo da un caso concreto, da una realizzazione.
Nella galleria fotografica che segue ti mostro un piatto doccia rivestito in piastrelle fotografato in un cantiere. In questo caso non si tratta di un vero e proprio piatto doccia "filopavimento", dato che il piatto doccia è ribassato rispetto al resto del pavimento del bagno. 

Per realizzare questo piatto è stato scelto di utilizzare lo stesso grès porcellanato di grandi dimensioni che troviamo a rivestimento del bagno tagliato in modo da favorire la pendenza centrale verso la piletta del piatto.
La scelta di utilizzare la stessa piastrella è fondamentale: il piatto filopavimento ha proprio l'obiettivo di dare una continuità di colori e superfici, senza interruzioni: lo spazio doccia diventa integrato con il bagno e non è più un elemento "diverso" appoggiato sul pavimento. 

Piatto doccia in corso di realizzazione, Arzignano

Il piatto doccia in piastrelle ultimato, Arzignano

Ottenere un risultato finale come quello che vedi nelle foto qui sopra può sembrare semplice, ma non lo è.
Il risultato è frutto di un lavoro di preparazione complesso e richiede un'esperienza per evitare errori. Insomma non è un "fai da te" che puoi trovare nelle grandi catene francesi (senza far nomi... Bricoman e Leroy Merlin) o qualcosa che puoi delegare al "posatore-mio-cugino-che-sa-fare-di-tutto" :)

Il rischio è questo: 

Piatto doccia in piastrelle modello "ammiocuggino"


Se vuoi un risultato come quello che vedrai nelle gallery di questo articolo devi rivolgerti ad un negozio specializzato in bagni, meglio ancora se in grado di fornire anche il  chiavi in mano.
L'importante è che abbia una discreta (e documentata!) esperienza in bagni di fascia medio-alta.
Come sceglierlo? Beh innanzitutto guardati le gallery dei lavori nel sito e le recensioni oppure fatti mostrare dei cantieri in cui hanno realizzato un piatto doccia in piastrelle.

Posa di Piatto doccia Filopavimento

Evitare le infiltrazioni nel piatto doccia

La prima cosa che devi considerare per realizzare un piatto doccia in piastrelle è la gestione dell'acqua che si può infiltrare dalle fughe tra le piastrelle o negli spigoli tra rivestimento verticale e piatto doccia. Ci sono varie tecniche per evitare queste infiltrazioni. Alcune sono molto valide mentre altre vengono "spacciate" come sicure ma ho constatato come nel tempo possano creare problemi.

Come pulire il gres porcellanato


Ti parlerò delle tre più utilizzate:

► telo o guaina sotto al massetto
► pannello di eps  
► vaschetta in acciaio o in pvc (Makro o similari) 

 

1. Il telo guaina per il piatto doccia

Se vuoi realizzare un piatto doccia filopavimento una delle tecniche che ti suggeriranno è quella del telo-guaina. 
Ti dico subito che questa è la soluzione che mi piace meno anche se, in alcuni casi, si deve forzatamente utilizzare per problemi di mancanza di spessore. La stesura di un telo, al di sotto del massetto, è infatti una operazione che viene fatta manualmente e nessuno ti può garantire che venga fatta nel migliore dei modi. Il telo, anche se ben posizionato, si può piegare, torcere, pizzicare durante le fasi successive. Può, insomma, essere spostato inavvertitamente dagli operatori.

Se si creano delle tasche l'acqua può penetrare sotto al telo e compromettere il funzionamento del nostro piatto doccia. 

piatto doccia Vicenza telo pvc


Insomma è una soluzione economica e di basso spessore ma che per funzionare richiede una posa accuratissima. Ho visto piatti doccia demoliti dopo pochi mesi dalla posa a causa di un telo mal posizionato. Io non te la consiglio. 

 

2. Il piatto doccia con un pannello in EPS

Rispetto al telo una soluzione migliore per realizzare un piatto doccia filopavimento è quella di utilizzare un pannello in Polistirene Espanso Sinterizzato (EPS). L'EPS si presenta del tutto simile al comune polistirolo ma con una densità molto più elevata.
Attenzione: se vuoi che il piatto doccia sia allo stesso livello del pavimento del bagno ("piatto doccia complanare") ti servono almeno 13 centimetri di spazio per contenere la piletta di scarico ed il pannello in EPS. 

Generalmente il pannello per il piatto doccia viene ordinato su misura ed arriva in cantiere già tagliato e rinforzato con una rasatura che ingloba una rete in fibra di vetro.
Nel caso in cui non sia stato "rasato" occorrerà eseguire questa operazione in cantiere, dopo aver - eventualmente - tagliato il pannello per adattarlo alla situazione di cantiere. 

Una volta rasato il pannello in EPS va incassato nel pavimento e va "saldato" ai muri con una bandella di retina in fibra di vetro che si posiziona negli spigoli, dove il piatto viene appoggiato alle pareti. Sul muro, sulla bandella e sul piatto si stende una membrana a spatola (è la cosiddetta guaina liquida: mapelastic di Mapei, aquastop nanoflex di Kerakoll o similari) in modo che dalla base del piatto fino ai muri da rivestire con le piastrelle ci sia un unica superficie, senza interruzioni. 

Una volta attesi i tempi di maturazione della membrana scelta si potranno incollare sul piatto e sui muri le piastrelle.

Tra i vantaggi dell'EPS vi è:

► la facilità di installazione,
► la leggerezza,
► la possibilità di tagliarlo in cantiere per adattarlo alle diverse situazioni e gestire eventuali fuori-squadra. 

A differenza del telo il pannello è rigido, quindi non si può spostare una volta fissato. 
Una accortezza è quella di posare il pannello di EPS prima della posa dei rivestimenti verticali che quindi devono "montare" sul pannello. Se, invece,  posi prima il rivestimento e poi ci accosti il piatto doccia stai creando una fessura pericolosa che poi dovrai sigillare ma che nel tempo potrà dare problemi.

 

3. La vaschetta in acciaio o in Pvc

L'azienda leader in questo prodotto è la MAKRO, azienda di Padova, che produce una gamma completa di vaschette pensate per essere collocate sotto al pavimento della doccia in modo da raccogliere eventuali infiltrazioni. 
Questo è il prodotto utilizzato anche nel lavoro delle foto di cui sopra.

È probabilmente il metodo più costoso ma è quello che io, personalmente, preferisco principalmente per la totale assenza di problematiche che comporta rispetto ad altri sistemi. 

piatto doccia piastrelle rivestito Vicenza bagni Verona

Anche in questo caso occorre avere uno spessore che consenta il posizionamento del piatto e della piletta di scarico SE vogliamo che il piatto sia complanare o incassato rispetto al pavimento del bagno. In caso contrario occorrerà accettare un gradino o un muricciolo nel vano doccia.


 

Copripiletta in grès in doccia: il funzionamento

La piletta in un piatto filo-pavimento in piastrelle.

Piatto doccia filopavimento e scelta delle piastrelle

Piatto doccia filopavimento e scelta delle piastrelle

I piatti doccia realizzati a filo-pavimento sono stati resi possibili anche grazie alle grandi dimensioni delle piastrelle disponibili oggigiorno. Le grandi lastre in grès ci consentono di realizzare piatti doccia con dimensioni davvero importanti, fino a due metri. 

Quando si sceglie la piastrella per il bagno, che poi verrà utilizzata anche nel piatto, dovremo tenere conto che all'interno dello spazio doccia così realizzato saremo a piedi scalzi, su superficie bagnata e dovremo evitare di scivolare nonostante a terra ci possa essere sapone o shampoo. Questo significa che dobbiamo evitare di scegliere superfici lucide e troppo scivolose. 

Ma se ti piacesse una piastrella liscia o lucida per i pavimenti ed i rivestimenti del bagno? In quel caso dovresti chiedere nel negozio specializzato o all'arredatore che ti segue, di trovare una piastrella che abbia due differenti superfici ma stessa resa estetica: liscia per il resto del bagno, più ruvida per l'interno dello spazio doccia. 

Le aziende più economiche difficilmente offrono queste possibilità, ma se cerchi tra i produttori migliori di piastrelle vedrai che spesso offrono due o anche tre superfici con coefficienti di scivolosità differente per riuscire a risolvere anche questa situazione. 

Piatto doccia in piastrelle effetto ardesia realizzato a Vicenza

Piatto doccia filo pavimento in grandi lastre, Verona

Piatto doccia fatto con piastrelle, Verona

Piatto doccia in piastrelle effetto marmo, Verona

Piatto doccia filopavimento in grès effetto legno, Vicenza

Piatto doccia in piastrelle effetto corten - Vicenza

In questo bagno stiamo posando il rivestimento. Il piatto doccia è stato realizzato con le stesse grandi lastre in grès porcellanato che riproducono un metallo, un effetto corten scuro, quasi tendente al bronzo. Nel piatto anziché la classica piletta abbiamo inserito una canaletta con la stessa piastrella che la copre. Rispetto al pavimento del bagno, che sarà in parquet, il piatto è leggermente rialzato. 

Piatto doccia in piastrelle di grès effetto cemento

Piatto piastrelle effetto legno

Piatto doccia in piastrelle a filo pavimento

 

In questo bagno si voleva realizzare un piatto doccia in grès utilizzando le stesse lastre color ferro del rivestimento e facendo in modo che il pavimento in legno fosse allo stesso livello del piatto doccia che doveva essere, quindi, a "filo pavimento".

Le generose dimensioni del piatto (il box non era ancora stato installato al momento della prima foto) contribuiscono a rendere favoloso il risultato finale. Il box (visibile nella seconda e terza foto) è completamente in acciaio Inox: meraviglioso! 

Piatto doccia in piastrella, realizzato in opera a Vicenza

Piatto doccia filopavimento in piastrelle

Piatto doccia rivestito in piastrelle, Vicenza

Un'altra possibilità: piatto doccia pre-fabbricato in grès

Abiti in provincia di Vicenza o Verona? Realizza il tuo piatto doccia in grès a filopavimento con noi!

Chi sei?
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing selezionando l’apposita voce. La compilazione del modulo è facoltativa. I dati indicati con un * sono obbligatori per poter effettuare la richiesta e sono necessari per stabilire il contatto richiesto.

Specializzazione: Responsabile tecnico di cantiere

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • La gamma di colori per il ciottolo da giardino è molto ampia. Abbiamo selezionato per te i colori più belli. 

  • In questo cantiere abbiamo re-interpretato un materiale antico in chiave moderna. Dei ciottoli di bianco Carrara (detti anche sasso di fiume) sono stati posati in grandi cerchi concentrici con un decoro in mattoni. Il risultato è elegante e raffinato. 

  • Pellizzari è partner di Unicredit per i finanziamenti "smart voucher". Si tratta di un finanziamento al 4% senza spese, senza commissioni, senza bisogno di garanzie sottoscrivibile per bagni chiavi in mano, trasformazioni da vasca a doccia, cappotti, intere ristrutturazioni di case... insomma a Voi la scelta ! 

     

  • Movimentazione, taglio, installazione... operazioni abbastanza facili con i formati tradizionali ma che diventano difficili e rischiose quando i formati delle piastrelle in grès superano 100x100 centimetri. Per facilitare la posa in opera esistono apposite attrezzature di cui il posatore moderno deve dotarsi.