Le piastrelle: statistiche e produttori

10/28/2019 - 17:23

Quantità prodotte, fatturato, principali brand e paesi protagonisti del settore delle piastrelle in ceramica.

Piastrelle: statistiche di produzione

Ti stai chiedendo chi sono i principali paesi produttori di piastrelle nel mondo? Oppure chi sono i principali marchi di piastrelle in Italia? In questo articolo parleremo di piastrelle in ceramica, vedremo alcune statistiche di confronto tra le piastrelle e gli altri prodotti per pavimenti e rivestimenti e scopriremo chi sono i principali paesi produttori, quante piastrelle vengono prodotte in Italia e nel mondo e da quali aziende.
Buona lettura! 

Se, prima, vuoi farti una cultura sulla storia e sulle evoluzioni tecnologiche delle piastrelle e sulle tipologie vecchie e nuove clicca qui:

tutto sulle piastrelle

Quali sono i pavimenti più venduti?

Nelle tabelle che seguono mettiamo a confronto le varie tipologie di pavimenti e rivestimenti e la loro diffusione in Italia.

Come si evince dalla prima tabella la piastrella in ceramica è ancora il materiale più utilizzato per la pavimentazione in Italia, con una percentuale che supera, nel 2017 il 62% ed un valore assoluto di 86,6 milioni di metri quadrati venduti.  
Seguono i materiali lapidei con il 18,3%, quindi i Laminati con il 6,7%, i materiali resilienti con il 6,4%, il parquet in legno con il 4,5% ed ultimi i tessili con poco meno del 2%. 

Statistiche vendite pavimenti in italia

 

Non molto è cambiato dal 2013 quando le piastrelle in ceramica rappresentavano il 60% dei pavimenti venduti. In quell'anno, però, iniziava il calo del parquet che dal 5,6% di allora si è assestato sul 4,5% nel 2017.

In questo ha contribuito sicuramente il grès effetto legno che ha rubato quote di mercato all'originale ma anche i Laminati ed i resilienti. Tra questi ultimi in particolare è l' LVT che sta crescendo e si sta affermando. 

statistica pavimenti in italia

 

Quali sono i rivestimenti più venduti?

A questi bisogna aggiungere i rivestimenti, altri 34 milioni di metri quadrati in totale. Anche i rivestimenti vedono la piastrella in ceramica al primo posto con più del 50% del mercato seppure incalzati, più da vicino, da altri prodotti come le carte da parati (30,4%) ed i materiali lapidei (13,4%). 
Le piastrelle per rivestimento di bagni sono da sempre protagoniste di questo ambiente, anche se l'introduzione dei grandi formati (grandi lastre) vede le piastrelle iniziare ad affermarsi come rivestimenti delle pareti del soggiorno, come alternativa ai rivestimenti in pietra o in carta da parati, oppure dietro alla camera da letto. 

 

Statistiche di vendita di rivestimenti in italia

 

Rispetto ai dati del 2013 la ceramica è cresciuta sia in valore assoluto che in percentuale. La carta da parati è sostanzialmente stabile mentre sono calati i materiali lapidei. In questo caso credo che siano soprattutto le grandi lastre di grès effetto marmo ad avere rubato quote di mercato ai marmi. 

Mercato dei rivestimenti in Italia

 

Quante piastrelle vengono prodotte nel mondo? 

Se vuoi sapere come vengono prodotte le piastrelle troverai di seguito un link ad un articolo che spiega nel dettaglio il ciclo produttivo. 

Produzione di una piastrella

Ma quante piastrelle vengono prodotte nel mondo? 
Rispondere a questa domanda non è semplice anche perché se consideriamo l'intero pianeta la produzione complessiva di piastrelle in ceramica raggiunge cifre difficili anche da immaginare. Le statistiche sono elaborate dall'associazione di produttori di macchinari per il meccano-ceramico ACIMAC e si basano in parte su dati reali, rilevati ma in parte su stime in base alla potenzialità installata. 
 

statistiche piastrelle prodotte nel mondo
Produzione di Piastrelle nel mondo nel 2018. Fonte: "Ceramic World Review" n. 133 Agosto-Ottobre. 



In base a queste statistiche l'intera comunità europea produce 1.366 milioni di metri quadrati con i due rivali storici, Italia e Spagna, a contendersi il primato quantitativo.  

Ma dove la produzione ha raggiunto numeri impressionanti è in Asia con quasi  9.000 milioni di metri quadrati. Qui domina la Cina con i suoi mega impianti produttivi, molti dei quali progettati e realizzati da tecnici italiani che lavorano per il settore meccano-ceramico del quale essere orgogliosi, dato che è il primo al mondo. 

Per rendersi conto dell'evoluzione delle cifre pubblico qui anche i dati del 2015 dove si vede che la produzione europea era di circa 1200 milioni di metri quadrati e quella asiatica di 8.600. Rispetto al 2015 la produzione totale è cresciuta da 12.355 a 13.099

 

Produzione di piastrelle nel mondo
Produzione di Piastrelle nel mondo nel 2018. Fonte: "Ceramic World Review".

Piastrelle di ceramica: statistiche Italia

Nel 2017 il settore Italiano delle piastrelle di ceramica, secondo le statistiche fornite da parte di Confindustria Ceramica, era formato da 145 aziende produttrici che occupano 19.515 addetti. 

La produzione totale, che nel corso del 2016 aveva raggiunto i 416 milioni di metri quadrati di piastrelle, nel 2017 ha superato i 422 milioni per un fatturato complessivo di 5,5 miliardi di euro.

Le stime per il 2018, previste leggermente in calo, sono state superate dalla realtà: 415 milioni di metri quadrati prodotti è il dato ufficiale. Ma se la quantità è leggermente in calo, sta aumentando il prezzo medio, grazie al fatto che il settore spinge sempre di più sui formati grandi e di spessore sottile (le cosiddette grandi lastre) bellissime grazie alle nuove stampanti digitali

Il numero di aziende è sceso a 137 mentre gli addetti sono saliti, seppur di poco, e nel 2018 sono risultati essere 19.692.

Settore delle piastrelle ceramiche italiane

Produzione e fatturato risultano in crescita negli ultimi tre anni e, dato interessante, nel 2017 il settore ha uguagliato il fatturato del 2008, ultimo anno positivo prima della lunga crisi dell'edilizia, ancora non superata del tutto.

Dati 2017 industria delle piastrelle italiane

 

Ma quanto costa una piastrella di qualità?

In questo articolo ci siamo chiesti "quante piastrelle vengono prodotte", ma non "come vengono prodotte" e nemmeno quanto debbano costare. Ma, se sei curioso di approfondire anche questi aspetti, dovresti leggere:

quanto costa una piastrella? 

I principali produttori di piastrelle italiani

I principali gruppi produttivi sono localizzati nel distretto di Sassuolo. I motivi della nascita e della crescita del distretto di Sassuolo li abbiamo esaminati in questo articolo:
Perchè proprio a Sassuolo?

Ecco i principali, in ordine di fatturato realizzato nel 2017:

► Marazzi che, assieme alle altre aziende del  gruppo Mohawk Industries ha fatturato
nel 2016: 3.175.000.000 U$D
nel 2017: 3.405.000.000 U$D 
nel 2018: 3.553.000.000 U$D


► Atlas Concorde (i marchi più conosciuti sono: Atlas Concorde, Keope, Mirage, Refin)
nel 2016   726.900.000 €
nel 2017   [dato non disponibile]
nel 2018   [dato non disponibile]

►  Gruppo Iris (i marchi più noti sono: Graniti Fiandre, Ariostea, Iris)
nel 2016 530.000.000 €
nel 2017 590.000.000 € 
nel 2018 485.000.000 €

►  Gruppo Florim (i marchi più noti sono: Floor Gres, Rex, Cerim. Cedit, Casadolcecasa)
nel 2016  406.800.000 €
nel 2017  424.800.000 €
nel 2018  410.000.000 €

►  Panariagroup (i marchi più noti sono Cotto d'Este, Panaria, Lea ceramiche)
nel 2016 377.000.000 €
nel 2017 384.600.000 € 
nel 2018 371.000.000 €

► Casalgrande Padana
nel 2016 278.400.000 €
nel 2017 265.100.000 € 
nel 2018 263.800.000 €

►  Cooperativa Ceramica Imola
nel 2016 248.000.000 €
nel 2017 244.800.000 €
nel 2018 222.500.000 €

► Gruppo Faetano Del Conca
nel 2016 163.800.000 €
nel 2017 168.500.000 € 
nel 2018 157.200.000 €

Piastrelle di grande formato (lastre) prodotte in Italia

I marchi di piastrelle italiani

I vari gruppi produttori di piastrelle hanno al loro interno numerosi brand frutto di acquisizioni di aziende nel tempo o di politiche di differenziazione commerciale volte a consentire la distribuzione verso canali differenti. Vediamo nella tabella qui di seguito, per ognuno dei principali gruppi citati, i relativi Brand.

 

Nome del Gruppo Brand
Marazzi Group Marazzi, Ragno, Dal Tile, American Olean, Kerama Marazzi
Gruppo Concorde Atlas Concorde, Keope, Supergres, Mirage, Ceasar, Marca Corona, Refin
Iris Ceramiche Iris, Fiandre, FMG, Ariostea, Eiffelgres, Porcelaingres, Stonepeak....
Florim Floor Gres, Rex, Cerim, CasadolceCasa, Casamood, Florimstone
Panariagroup Panaria, Lea, Cotto d'este, Fiordo, Blustyle 
Casalgrande Padana Casalgrandepadana, Nuova Riwal
Imolagroup Cooperativa ceramica d'Imola, La Faenza, Leonardo Ceramica
Emilceramica Emilceramica, Egone, Provenza, Viva
Ricchetti group Ceramiche Ricchetti, Cisa, Cerdisa
Faetano Del Conca Ceramica del Conca, Ceramica Faetano, Pastorelli, Del Conca Usa

Ma quali sono i migliori produttori? Noi abbiamo scelto questi:

i migliori produttori di piastrelle 

Piastrelle italiane: il fatturato

Il fatturato totale 2016 dei produttori di piastrelle italiani, come detto, raggiunge i 5,4 miliardi di euro, un valore molto vicino ai 5,5 miliardi del 2008, prima della crisi dell'edilizia, valore poi raggiunto nel 2017. Mentre nel 2018 si è ritornati ai 5,4 miliardi del 2016. 

Molto positivo è l'andamento degli investimenti in macchinari e tecnologie che nel settore sono stati del 7,4% sul fatturato nel 2017 e, addirittura, del 9,4% sul fatturato nel 2018. Questi valori esprimono fiducia nel futuro, nonostante l'andamento non convincente di produzione e vendite.
Va detto che molti produttori si stanno dotando delle nuove tecnologie di stampa digitale su piastrelle e di impianti per produrre grandi lastre, per seguire le richieste del mercato e che stanno utilizzando gli incentivi fiscali di industria 4.0. 

 

Piastrelle italiane: export da record

Il dato più eclatante per il settore italiano viene dall'esportazione che fa segnare numeri da record:
► nel 2016 ben 331 milioni di metri di piastrelle sono andati all'estero su 416 milioni di metri prodotti con una crescita di circa il 5% rispetto all'anno precedente;
► nel 2017 circa 340 milioni di metri quadrati sono andati all'estero mentre "solo" 83,7 milioni sono rimasti in Italia, per il mercato domestico. 
► nel 2018 sono 327,7 i milioni di metri quadrati che sono stati esportati mentre l'italia ha assorbito 82,4 milioni di metri. 


Questo significa che le esportazioni del settore delle piastrelle in ceramica italiane supera l'incredibile percentuale dell' 80% di esportazioni. 

Le performance migliori si sono registrate negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in Germania e in Francia.

Piastrelle in ceramica: industria italiana, statistiche

Aggiornamento dei dati al 30 Giugno 2019

Numero di aziende e addetti del settore piastrelle, 2018

  2015 2016 2017 2018  
AZIENDE 150 147 145 137  
ADDETTI 19143 18956 19515 19692  
INVESTIMENTI 351,3 400,4 514,9 508,2  

Fonte: Confindustria ceramica: Industria italiana delle piastrelle in ceramica, 2015/2018

Le piastrelle sono, da sempre, il rivestimento bagno più usato

Piastrelle in ceramica: produzione e vendite

Aggiornamento dati al 30/06/2019

Industria italiana delle piastrelle: produzione e vendite 

  2008 '09 '10 '11 '12 '13 '14 '15 '16 '17 2018
Produzione 512 368 387 400 367 363 382 395 416 422 415
Vendite 506 408 413 413 382 389 395 397 415 422 410
- di cui Italia 151 127 124 115 93 87 81 80 83 84 82
- di cui  Export 355 281 289 298 289 303 314 317 332 338 328
Fatturato totale               5117 5417 5546 5380

Fonte: Confindustria Ceramica

Il grès effetto legno è tra le piastrelle più vendute

Piastrelle: statistiche 2017 e previsioni 2018

Nella tabella che segue vediamo i risultati del 2017.
Un primo dato interessante è il consumo di piastrelle in Italia: 106 milioni di metri quadrati di cui 83,7 prodotti in Italia, 22,3 importati.
Il cliente, quindi, compera in un caso su 5 piastrelle di importazione.
 
Per fortuna ci pensa l'estero ad assorbire circa l'80% della produzione totale del distretto ceramico italiano: su 426 milioni di metri prodotti ben 340 vanno oltre frontiera. 
I nostri principali clienti sono i paesi dell'Europa del Nord e gli Stati Uniti. Negli Stati Uniti esportare è diventato più difficile a causa delle politiche del presidente Trump che vuole favorire le imprese poste sul territorio americano.

Statistiche piastrelle in Italia 2017

 

Quante piastrelle si posano nel mondo?

Il consumo annuo stimato di piastrelle nel mondo e di 13.101.000.000 di metri quadrati. 

Una quantità difficile da immaginare, per cui proviamo a fare degli esempi:
- potremmo usarle per pavimentare circa 2 milioni di campi da calcio;
- oppure potremmo fare una striscia di un metro e circondare l'intero pianeta terra a livello dell'equatore... ma non per una sola volta, bensì per 330 volte
- mettendole una dopo l'altra, tenendo sempre un metro di larghezza, potremmo andare dalla terra alla luna... 34 volte
- oppure potremmo pavimentare tutta la regione del trentino Alto Adige che è esattamente grande 13.000 milioni di metri quadrati (al momento la produzione annuale non basta per piastrellare il Veneto, perchè è 18.000 milioni di metri quadrati, ma abbiate pazienza qualche anno e ci arriveremo...). 

Quali paesi utilizzano di più le piastrelle?

Il più grande consumatore di piastrelle sono i paesi asiatici che utilizzano più di 8.000 milioni di piastrelle all'anno. 
 

Statistiche piastrelle consumo mondo

 

 

Classifica dei maggiori produttori mondiali

  • Mohawk Industries inc. - USA - Produzione totale: 223 milioni di metri quadrati
  • SCG Ceramic - THAILAND - Produzione totale: 174 milioni di metri quadrati
  • GRUPO LAMOSA - MEXICO - Produzione totale: 164 milioni di metri quadrati
  • GRUPO CEDASA - BRAZIL - Produzione totale: 88,2 milioni di metri quadrati
  • GRUPO RAK CERAMICS - TURCHIA - Produzione totale: 81,6 milioni di metri quadrati
  • CERAMICA CARMELO - BRAZIL - Produzione totale: 81 milioni di metri quadrati
  • PAMESA - SPAIN - Produzione totale: 79,2 milioni di metri quadrati
  • GRUPO FRAGNANI - BRAZIL - Produzione totale: 72,2 milioni di metri quadrati
  • KAJARIA CERAMICS - INDICA - Produzione totale: 66,3 milioni di metri quadrati
  • STN GROUP - SPAIN - Produzione totale: 65 milioni di metri quadrati
  • DYNASTY CERAMIC - THAILAND - Produzione totale: 61 milioni di metri quadrati
  • CERSANIT SA - POLAND - Produzione totale: 57,1 milioni di metri quadrati
  • SOMANY CERAMICS - INDIA - Produzione totale: 56,6 milioni di metri quadrati
  • ARWANA CITRAMULIA - INDONESIA - Produzione totale: 55,7 milioni di metri quadrati
  • VITROMEX - MESSICO - Produzione totale: 55 milioni di metri quadrati
  • KALE GROUP - TURCHIA - Produzione totale: 50,7 milioni di metri quadrati
  • LASSERBERGER GROUP - AUSTRIA - Produzione totale: 48,2 milioni di metri quadrati
  • ELIZABETH - BRAZIL - Produzione totale: 43,1 milioni di metri quadrati
  • CELIMA GROUP - PERU' - Produzione totale: 42 milioni di metri quadrati
  • WHITE HORSE CERAMIC - MALAYSIA - Produzione totale: 41 milioni di metri quadrati

Per i dati completi di fatturato, export, marchi e località degli impianti produttivi si veda il numero 133 di Ceramic World Review qui:

http://www.tiledizioni.it

Piastrelle posate a pavimento a Trissino (Vicenza)

Grazie!

Grazie per aver letto il mio articolo. Se avete osservazioni, critiche, suggerimenti o se avete altri dati utili per integrare il contenuto dell'articolo scrivetemi qui sotto nei commenti. Grazie!

Specializzazione: Michele è uno dei quattro fratelli Pellizzari, ha una fortissima passione per la storia e l'architettura: è il nostro "Professore"

Michele è nato e vissuto ad Arzignano. Fin da piccolo (ci racconta la mamma) ha sempre amato leggere, più che giocare.

Commenti

Molto interessante . . . complimenti per la ricerca fatta :-)

07/25/2018 - 15:12 - Stefano

Grazie Stefano!

07/25/2018 - 15:21 - manager

Ciao Michele, breve ricerca per curiosità' personale e mi imbatto subito sul vostro sito...
impressiona vedere il tuo articolo tra i primi risultati di google sullo studio delle tipologie di pavimenti venduti. Questo conferma la stima che ho nei tuoi confronti e l'efficacia della vostra comunicazione. GRANDI!

02/23/2019 - 15:00 - Walter

Ciao Walter, 

mi fa piacere leggerti qui e grazie dei complimenti. Ma da un esperto come te mi aspetto anche qualche critica (non troppe eh?). 
Le critiche servono per migliorare, per cui non farti problemi a dirmi o scrivermi suggerimenti o osservazioni. Ne farò tesoro. 

grazie ancora, 

ciao!

 

02/23/2019 - 15:51 - manager

Salve devo acquistare circa 700 mq. di piastrelle saprebbe indicarmi un produttore di piastrelle di qualità con prezzi concorrenziali...
Cordialità.
Giovanni.

03/21/2019 - 17:34 - Giovanni

Ciao Giovanni, 

Dipende molto dal tipo di piastrella che ti serve: i produttori, in genere, hanno delle specializzazioni per cui sono più bravi a fare alcuni prodotti e magari fanno meno bene degli altri. Se mi aiuti dandomi alcune indicazioni ti posso aiutare. 

grazie per aver letto il mio articolo

 

03/21/2019 - 17:40 - manager

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • In una villetta a Tezze di Arzignano abbiamo realizzato una pavimentazione esterna in porfido squadrato. Il porfido è una pietra di origine vulcanica, estremamente resistente e dalla superficie naturalmente antiscivolo. 

  • Gli insetti xilofagi, principalmente tarli e termiti, nell'immaginario collettivo rappresentano la principale motivazione per cui un elemento il legno si può degradare o rovinare. È così anche per i moderni pavimenti in legno?

  • Nuovi sistemi di posa consentono di livellare le piastrelle ed evitare fastidiosi "dentini" tra le stesse. Questi gradini, infatti, oltre ad essere antiestetici possono compromettere la funzionalità di un pavimento o essere addirittura considerati difetti che compromettono la funzionalità del pavimento.