La doccia aperta "Walk-In" : vantaggi e problemi

Un modo nuovo di concepire la doccia
 

17/05/2022

L’eleganza è la parola chiave per uno spazio doccia che riesce a coniugare la praticità della pulizia con un ricercato gusto estetico creando un gioco di trasparenze che rende il bagno raffinato e moderno.

Argomento Wiki
Box doccia

La doccia aperta: vantaggi e problemi

La doccia è lo spazio che più si è evoluto negli ultimi anni, all'interno del bagno. In questo articolo Ti parlerò di una nuova tendenza che devi conoscere se hai intenzione di rifare il bagno o se stai costruendo una nuova casa. Si tratta della doccia aperta o "doccia walk-in".
Vedremo insieme vantaggi ma anche i problemi di questa nuova, affascinante configurazione dello spazio doccia. Vantaggi e problemi che abbiamo imparato grazie a 20 anni di ristrutturazioni di bagni a Verona e a Vicenza.
Se leggi questo articolo sono sicuro che eviterai di commettere alcuni errori che ogni tanto mi capita di vedere nei cantieri. 

Se, invece, sai già tutto e sei già convinto di fare una doccia walk-in, tenendo conto che noi la realizziamo solamente nel caso in cui ci vengano affidate tutte le finiture del bagno, allora puoi scorrere l'articolo fino in fondo e contattarci usando il modulo che troverai alla fine. 
 

In questo articolo:

Buona lettura!

 

Bagno con doccia e vasca a chiampo

Il lato corto della doccia walk-in è stato decorato con delle cementine dalle stampe geometriche e dai colori tenui del blu beige. Le stesse piastrelle 20x20 le ho riproposte nella parete di fronte, a sfondo della vasca ad angolo. 

Scopri la realizzazione:

Pavimenti e bagni a Chiampo

La doccia aperta nel bagno

Che si tratti del bagno di casa o del bagno di un Hotel lo spazio doccia è quello che ha vissuto, in anni recenti, diverse evoluzioni. Una di questa è la trasformazione di uno spazio "chiuso" da un box doccia o da una tenda, in uno spazio aperto.
Con il termine "doccia aperta" o "doccia Walk-In" si definisce uno "spazio doccia non chiuso in tutti i suoi lati". Insomma, a differenza di un tradizionale box doccia, progettato in modo da avere 4 pareti attorno e perchè l'acqua non esca dalla zona doccia, in questo caso uno dei lati è libero. 
 

Doccia walk-in effetto marmo a Vicenza

In questa casa abbiamo realizzato questo bagno con una doccia walk-in decorata con lastre effetto marmo. Per vedere la realizzazione della casa completa, clicca qui:

Pavimenti e bagni ad Arzignano

La doccia ad ingresso libero

La protezione totale, la chiusura con porte scorrevoli o a battente, a cui siamo abituati, lascia, quindi,  il posto ad un ingresso libero. Questo tipo di doccia, infatti, viene da qualcuno denominata anche "free entry" oppure "doccia open space".

In attesa che si affermi una terminologia univoca ad identificare questo concept (noi facciamo il tifo per "doccia walk-in") iniziamo a considerare i vantaggi estetici, la capacità di esaltare lo stile minimal, la facilità di pulizia ma anche di pensare ai  problemi della doccia open space e di come affrontarli e risolverli.

Bagno con pavimento in legno e piastrelle a Vicenza

La grande doccia walk-in è rivestita, nel lato lungo, con questo gres marrone mentre nel lato corto si è utilizzata la stessa piastrella del pavimento bagno. Tutto il rivestimento di questa zona è retroilluminato nella parte più alta, creando un atmosfera unica.

Vedi il resto della casa:

Pavimenti e bagni a Chiampo

Com’è fatta una doccia aperta?

Vi sono differenti modalità di realizzare una doccia walk-in.

► AD ANGOLO CON PARETE IN MURATURA

Se dobbiamo posizionare la doccia in un angolo del bagno occorrerà realizzare una terza parete, una quinta, per realizzare lo spazio doccia.
Questa parete potrà essere in muratura e rivestita in piastrelle o in altri materiali, oppure in vetro
 

► AD ANGOLO CON VETRO A SOFFITTO o con BRACCETTI METALLICI

Nel caso si preferisca realizzare la parete in vetro avremo più trasparenza e lasceremo invariata la sensazione di spazio del bagno. Questo a differenza di una parete in muratura che andrebbe a rimpicciolire il bagno.
La parete in vetro sarà sorretta e fissata con dei braccetti metallici al muro del lato opposto oppure si potrà mettere un vetro da pavimento a soffitto. In questo secondo caso si parlerà di "parete in vetro fisso" (il vetro sarà fissato con dei profili ad "U" nel pavimento, nella parete e nel soffitto.
Nella parte più protetta dello spazio doccia verrà installato il soffione, con doccino o doccetta.

► CONTROPARETE IN MURATURA SU PARETE DIRITTA

Ma potremmo anche decidere di realizzare la doccia in una parete diritta del bagno. In questo caso possiamo realizzare una controparete, sempre in muratura, che "nasconda" la zona doccia sul retro. Chiaramente il bagno deve essere di notevoli dimensioni per consentirci questa variante. 
In ogni caso la controparete ci permette di lasciare aperta la doccia sui due lati più stretti, dandoci la possibilità di accedere alla doccia da 2 entrate differenti.


► CONTROPARETE IN VETRO SU PARETE DIRITTA

In alternativa possiamo anche utilizzare una grande lastra di cristallo sempre con l'ipotesi di fissarla parallelamente alla parete del bagno. Questi progetti solitamente prevedono uno spazio doccia molto generoso, in qualche caso addirittura con due soffioni.

 

Esempio di doccia walk-in con grandi lastre effetto marmo

Doccia aperta: i vantaggi

Abbiamo compreso che in una doccia Walk-In si entra senza dover aprire o far scorrere nessuna porta. Uno spazio doccia in cui non si sta "rinchiusi" (qualcun'altro direbbe "protetti") da una cabina doccia. 
Questo ha come conseguenze dei vantaggi piuttosto evidenti:

► Design minimal
► Ampio spazio riservato alla doccia
► Facile accessibilità
► Possibilità di aiutare anziani o minori
► Scarsa o nulla manutenzione ordinaria e straordinaria di cerniere e guarnizioni
► Facilità di pulizia
► Minore costo
► Minore rischio di rottura dei cristalli rispetto ad un box doccia

Lastra di cristallo con telaio nero

Doccia aperta e design 

Oltre ai vantaggi funzionali questa soluzione è anche esteticamente fantastica, specie per un bagno moderno.

La trasparenza della semplice lastra in vetro della doccia fa acquistare eleganza alla stanza lasciando a vista la zona doccia, inoltre lo spazio per fare la doccia è, solitamente, più ampio rispetto a quello in un box tradizionale.

Doccia walk-in: un progetto per un bagno

Doccia aperta: quale vetro?

La differenza tra i modelli è data principalmente dai materiali utilizzati per fissare la lastra in cristallo temperato (cerniere, paletto, guarnizioni) e dalle colorazioni e finiture del cristallo stesso.

Modelli


Nella scelta del cristallo potrai prediligere un gioco di trasparenze e optare per una
► lastra doccia in cristallo anticalcare o vetro temperato.  

Se invece preferiamo che il momento della doccia rimanga intimo possiamo scegliere
► vetri fumè o vetri bronzati oppure optare per fasce serigrafate.

Gli elementi di fissaggio del vetro che troverai in commercio sono generalmente in:
► ottone cromato (più economico) oppure in
► acciaio, più durevole, igienico e costoso (decisamente consigliato). 

Ai diversi tipi di vetro abbiamo dedicato un articolo:

Una doccia walk in con telaio nero

Doccia aperta: quale forma

 

Da tradizione si è abituati a pensare ai lati della doccia con vetri diritti, lineari che a seconda della dimensione del piatto doccia vanno a creare un quadrato o un rettangolo.

Ma le nuove tecnologie e il design di questa tipologia di doccia hanno permesso di modificare tale tendenza, rendendo possibile la curvatura della parete fissa, in vetro o cristallo, della doccia Walk-in.

Progetto di un bagno con doccia walk-in

Doccia aperta e accessibilità

L'assenza di ostacoli nell'entrare ed uscire dalla doccia lo rende sì un prodotto ideale per chi ama la libertà di movimento in un momento così intimo, ma è anche la scelta perfetta per le persone con una ridotta capacità motoria. La doccia aperta viene scelta anche da chi deve accudire un parente anziano o diversamente abile. 

In questo caso oltre a lasciare libero l'accesso alla doccia si può pensare di realizzare un piatto doccia complanare rispetto al resto della pavimentazione del bagno in modo da evitare il tradizionale gradino (o dislivello). 

Per poter realizzare un piatto doccia complanare è necessario avere almeno 13 centimetri di spazio dal livello del pavimento finito per poter incassare la piletta e la vaschetta che verrà annegata sotto al pavimento. 
Uno dei modi di avere il piatto doccia a filo pavimento è quella di realizzarlo in piastrelle. Abbiamo scritto un approfondimento apposito che puoi trovare qui:

 

Nei pressi dell'ingresso occorre prevedere almeno 60 centimetri liberi per agevolare entrata ed uscita dalla doccia.

Profili scuri e rivestimento chiaro per questa doccia walk-in

Doccia aperta: il piatto doccia 

La doccia walk-in si sposa con i moderni piatti doccia in marmogres o in corian incassati a pavimento, senza bordo sporgente. Il piatto doccia a filo si combina perfettamente con l'estetica minimale della lastra di vetro per un effetto di meraviglioso e moderno design. 


Sui vari tipi di piatto doccia che puoi scegliere trovi consigli e foto qui:

Doccia walk in rivestita in grandi lastre di gres colorate

Pulizia box doccia

Non avere ante scorrevoli o battenti significa anche non avere dei profili a terra, e questo è un vantaggio significativo in termini di pulibilità. L'unica parte in acciaio del box doccia da pulire con appositi prodotti sarà il braccio metallico: la pulizia della doccia è molto più semplice e veloce. Ci limiteremo a dover pulire la rubinetteria. 


A questo proposito ti consigliamo di leggere l'interessante approfondimento che segue in cui parleremo del nemico numero uno della rubinetteria: il calcare

Due grandi docce walk-in rivestite in lastre di gres colorate

Doccia aperta: fuoriuscita dell'acqua

La principale preoccupazione nel realizzare uno spazio doccia "free entry" riguarda la fuoriuscita d'acqua durante la doccia, ma sono preoccupazioni risolvibili.

La principale precauzione è quella di installare il soffione nel punto più lontano rispetto all'apertura in modo che il flusso d'acqua che scende sia nella posizione opposta rispetto all'apertura. Va, inoltre, prevista una dimensione adeguata della parete in vetro in modo che sia sufficiente a schermare le gocce d'acqua. 

Spazio doccia walk in rivestito con grandi lastre in grès

Installazione del box doccia aperto

Anche l'installazione di una doccia aperta è più facile rispetto ad un box tradizionale. Si tratta di fissare una singola lastra e di fermarla, in alto, con un braccio metallico o con un sistema similare.

Un box doccia normale, invece, prevede l'installazione anche della porta. A prescindere dal fatto che sia scorrevole, a battente, o con apertura a soffietto o a saloon, l'installazione richiede almeno il doppio del tempo.

Due grandi docce walk-in rivestite in grandi lastre

Prezzo di una doccia walk-in

Il costo di una lastra in vetro per la chiusura della doccia Walk-in varia a seconda del modello, della dimensione, della tipologia e spessore del vetro.
Il prezzo di una buona lastra in cristallo da 8 millimetri di spessore, comprensiva di accessori di fissaggio di design, costa dai 300 ai 500 euro installazione esclusa. Questo se scegli degli elementi di fissaggio in ottone cromato. Costa un pochino di più se scegli i fissaggi in acciaio.


Rispetto ad un normale box doccia, di dimensioni 80x170 cm, il risparmio è di circa 300 euro.
Il minore costo è dovuto all'assenza della porta scorrevole o a battente e di tutta la meccanica (cerniere e guarnizioni) necessaria. 

Insomma, realizzare la doccia aperta ed utilizzare un solo vetro fisso ti permette un bel risparmio.

Doccia walk in su pavimento e rivestimento grigio

 

Ma più che per il risparmio se sceglie la doccia Walk-in ottieni il vantaggio di uno spazio doccia essenziale, bello perchè estremamente semplice. Ma dato che "realizzare cose semplici è estremamente complesso" anche per fare una doccia aperta servono delle accortezze. 

Altrimenti il rischio è quello di dover sopportare i fastidi che elenchiamo nel paragrafo successivo. 

 

Una doccia walk-in realizzata in grandi lastre di grès

I problemi della doccia aperta

Fai attenzione: una doccia aperta ha anche degli svantaggi e dei problemi.
I principali sono il risultato di una cattiva progettazione e possono essere risolti se preventivamente anticipati. Essi sono:

► 1. fa più freddo rispetto ad una doccia chiusa
► 2. fuoriesce acqua dall'apertura
► 3. richiede molto spazio per realizzarla 

Vediamoli uno ad uno...

Doccia walk in e piatto in ceramica

1. Nella doccia aperta fa più freddo!

A causa del fenomeno della convezione l'aria più fredda si dirige verso lo spazio doccia dove è più caldo ed il corpo viene colpito da questo leggero ma fastidioso spostamento d'aria. L'acqua per la doccia esce ad una temperatura di 36/37 gradi contro i circa 22/25 gradi del resto del bagno. Per questo è normale che si creino delle piccole correnti d'aria.
Se vuoi  sperimentare questo fenomeno è sufficiente che lasci la porta del tuo attuale box doccia aperto e potrai renderti facilmente conto della differenza tra farsi una doccia in uno spazio aperto o chiuso. 


Questo problema si può rimediare con degli accorgimenti progettuali quali la realizzazione di una parete radiante all'interno del box doccia oppure l'inserimento di un termoarredo nello spazio doccia. Mentre non sono d'aiuto i nebulizzatori. 
 

nebulizzatori nella doccia, fa freddo!

 

Bagno progettato con doccia walk-in

2. Nella doccia aperta l'acqua esce!

Un corretto dimensionamento della parete in vetro dovrebbe riuscire a schermare la fuoriuscita dell'acqua ma qualche schizzo potrebbe, comunque, uscire.
Per questo è importante: 
► che il pavimento del bagno non sia in legno (parquet ed umidità non vanno d'accordo)
tinteggiare con un prodotto resistente all'umidità le pareti. 

 

Pavimento in legno sollevato per umidità

 

Video: bagno con doccia walk in

3. La doccia aperta richiede grandi spazi!


Se è vero che una doccia Walk-In può essere installata in qualsiasi bagno è anche vero che per essere correttamente dimensionata ed evitare i problemi di cui abbiamo accennato più sopra, è importante che abbia delle dimensioni importanti.  A nostro avviso una doccia aperta non dovrebbe mai essere più piccola di 160 centimetri nella lunghezza e di 80 in larghezza.

Certamente un bagno di grandi dimensioni può accogliere senza problemi una doccia di queste misure, ma per bagni più piccoli è bene pensare al classico box doccia. 


 

TORNA alla pagina PRINCIPALE: "La Doccia" >>

 


 

FRATELLI PELLIZZARI spa
VIA VIGNAGA, 31
36071 ARZIGNANO (Vicenza)

[email protected]

È gradito e consigliato l'appuntamento

FRATELLI PELLIZZARI spa
VIALE EUROPA, 2
36053 GAMBELLARA (Vicenza)

[email protected]

È gradito e consigliato l'appuntamento

Chiedi un preventivo:

Chi sei?
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing selezionando l’apposita voce. La compilazione del modulo è facoltativa. I dati indicati con un * sono obbligatori per poter effettuare la richiesta e sono necessari per stabilire il contatto richiesto.

RUOLO: Venditrice progettista specializzata nel settore bagno
SEDE: Gambellara

ANNO DI ARRUOLAMENTO: 2010
MOTTO: Il più grande rischio è non prendersi alcun rischio.

 

 

 

Commenti

Vorrei cambiare uno dei bagni di casa mia, costruita nel 2.000. Il piatto doccia che era all'interno di un box doccia si è forato, perciò lo dobbiamo cambiare. Mi è venuta così l'idea di rifare tutto il bagno, cambiare i sanitari e sostituire il box doccia con una doccia Walk In o con una Doccia aperta che abbiano il piatto doccia filo pavimento o nessun piatto doccia come ho visto in qualche hotel. Probabilmente quindi sarebbero da cambiare anche le piastrelle del pavimento e dei muri. Potrei avere una consulenza, un preventivo?
Abito in provincia di Gorizia.

11/10/2018 - MARISA BENES

Ciao Marisa, 
Grazie per aver letto il mio articolo. Sono contenta che tu sia riuscita a trasformare un evento critico (rottura del piatto doccia) nell'opportunità di rifare lo spazio doccia. Dovrai sopportare qualche giorno di disagio ma poi ti potrai godere per molti anni una doccia più spaziosa e più bella

Purtroppo la distanza gioca a sfavore: non riuscirei, da Vicenza, a darti una consulenza valida "da remoto".  Rischierei di non poter essere da supporto come è necessario e temo che non saresti contenta. Te lo dico contro il nostro stesso interesse: questi non sono prodotti - secondo me - da acquistare su internet e nemmeno "fai da te"... è indispensabile poter avere una assistenza ed un supporto in loco.  

Però cerco di rendermi utile in due modi:
Il primo è un consiglio: leggiti la nostra pagina Wikipelli dedicata allo spazio doccia (cerca "doccia" con la lente) dove troverai un sacco di consigli utili. Aggiungiamo contenuti ogni giorno perché crediamo sia importante non sbagliare quando si fanno acquisti importanti come quelli sulla casa e perché non riteniamo corretto farci guidare, nell'acquisto, solo dal puro prezzo (e finire per comprare prodotti di importazione di scarsissima qualità). 
Siamo convinti che "solo un cliente informato può diventare un cliente soddisfatto"

Secondo: spero di riuscire a rendermi utile anche segnalandoti due nostri "concorrenti" vicini a te, che conosciamo essere bravi e capaci e che sono sicuramente in grado di aiutarti per il tuo lavoro:
► EDILCASA di MACUZZI a Gorizia, il sito è www.edilcasamacuzzi.it 
► NOSELLA DANTE spa di Gorizia, il sito è www.nosella.it 

Spero di esserti stata utile, 
buona giornata,
 

11/10/2018 - manager

Gent.ma Giulia,
già questa è stata una consulenza molto soddisfacente. Non sapevo dove andare a parare e il vostro sito mi sembrava quello più adatto a ciò che desideravo. Pensavo di poter fare i lavori con voi (mia mamma ha trasformato la sua vasca da bagno in doccia con una ditta di Treviso), perchè da quello che ho visto e letto, mi date "sicurezza". Farò come mi hai detto.
Grazie infinite per la tua gentilezza e il prezioso consiglio.
Marisa

11/10/2018 - MARISA BENES

Salve, eseguite questi lavori anche a Roma avete qualche rivenditore? Avrei bisogno di box doccia con telaio nero. Grazie!

27/11/2018 - Valentina

Ciao Valentina,

Roma è bellissima e ci vengo sempre volentieri ma... non per lavoro, mi spiace. 
Noi lavoriamo solamente su Vicenza e Verona e già così facciamo fatica ad accontentare tutti.
Siamo troppo lontani per riuscire a garantirti un servizio di qualità. 
Ma grazie per aver letto questo articolo e... continua a seguirci!!

ciao

 

27/11/2018 - manager

vorrei sapere se nella realizzazione di una doccia aperta sia necessario/preferibile utilizzare un piatto doccia con bordo (anche se in resina)

14/03/2019 - donato carone

Ciao Donato, 

non è obbligatorio: lo spazio doccia può anche essere complanare rispetto al resto del pavimento. Chiaramente dovrà esserci una adeguata pendenza verso la piletta o la canaletta di scarico. 

buona giornata

14/03/2019 - manager

Buonasera, anche noi vorremmo rivisitare l'angolo box doccia in versione walk in. Lo spazio disponibile in pianta è 80x100. Sarebbe possibile? Mi sa dare qualche riferimento a Udine?

08/12/2020 - Lorenzo

Ciao Lorenzo, 

80x100 è troppo poco per realizzare una doccia walk-in, dovresti avere almeno 140 centimetri, meglio ancora se 160. 
Purtroppo noi non arriviamo fino ad Udine, lavoriamo solo a Vicenza e Verona e non saprei chi consigliarti. 

ciao!

 

09/12/2020 - manager

Buongiorno, complimenti per il sito, proprio ben fatto. Purtroppo leggo che non lavorate in provincia di Bergamo. Vorrei solo un consiglio, io la doccia Walk In potrei farla e mi piacerebbe farla, ho a disposizione uno spazio che è di 70 x 200. ho letto ch voi consigliate di avere almeno uno spazio di 80 cm. Cosa dite, la posso fare comunque avendo a disposizione una lunghezza di 2 metri?

24/03/2021 - DIEGO GUIZZETTI

Ciao Diego, grazie!

La larghezza 70 per una doccia aperta è un po' troppo piccolina. Dipende certamente anche da chi la usa (è chiaramente soggettivo) ma si, in genere sconsigliamo questa dimensione.

Ciao!

26/03/2021 - michele

Buongiorno, avrei bisogno della grande cortesia e ringrazierei tanto per la sua risposta se fossi possibile fare una doccia WALK in nelle dimensione 120/90 Grazie mille.

06/11/2021 - Elena Cristina

Ciao Elena,

come scriviamo nell’articolo servono lunghezze superiori per realizzare una doccia walk in.

ciao!

06/11/2021 - manager

Buongiorno, grazie per il lungo articolo sulle docce walk in, chiaro e preciso; purtroppo siete lontani per una richiesta di assistenza “reale” per il nostro nuovo bagno, ma conto comunque in un chiarimento/consiglio: le misure che suggerite per il walk in fanno riferimento al piatto doccia o al vetro? Mi spiego meglio: abbiamo disponibili circa 80 x 200 per la zona doccia (nicchia, lato lungo da muro a muro ) ma in questi 200 dobbiamo considerare uno spazio di accesso, oltre al fatto che un vetro a pezzo unico troppo grande ci creerebbe problemi per alcuni passaggi stretti; in sintesi pensavamo a un vetro di circa /max 120 cm sul piatto di 200 (o 180 nel caso inserissimo di delle nicchie contenitive) cosa ne pensa? Grazie mille…

09/01/2022 - Laura

Ciao Laura,

le misure di cui parliamo nell'articolo sono dello spazio doccia, quindi del piatto doccia. Nel tuo esempio lo spazio di 200 è certamente possibile ambientare una doccia walk-in con un vetro che può essere certamente, come scrivi, di 120 cm.

ciao!

19/01/2022 - michele

Buon giorno! Noi abbiamo una doccia a nicchia che misura 147 per 1 metro di profondità. Mi piacerebbe mettere un solo vetro, ma ho paura che un vetro da 90 e di co sequenza un ingresso da 57 cm pia piccolo.. voi cosa mi consigliereste?! In alternativa a malincuore dovrei scegliere un vetro scorrevole.. Sono 4 anni che rimando la scelta!! Grazie dei consigli!

28/05/2022 - Sara

Ciao Sara,
Mi spiace ma come scriviamo nell'articolo la lunghezza corretta per una doccia walk in deve essere di almeno 160 cm. La tua lunghezza di 147 cm. non è sufficiente e richiede una chiusura, come scrivi, con vetro scorrevole.
Ciao!

30/05/2022 - michele

Lascia un tuo commento

I tuoi dati saranno mantenuti privati e non saranno mai mostrati pubblicamente.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...