Pavimenti esterni in gres

10/19/2019 - 17:15

Oltre ai materiali naturali, come il porfido e la pietra, per i pavimenti esterni si possono utilizzare anche le piastrelle in grès porcellanato. Queste devono, però, soddisfare alcuni requisiti. Vediamoli in questo articolo

Pavimenti esterni in piastrelle?

Le piastrelle in ceramica sono dei manufatti ottenuti cuocendo in forno, ad altissime temperature,  dell'argilla macinata e pressata. 
I prodotti più comuni presentano uno spessore sottile, di circa un centimetro, ed una forma quadrata o rettangolare, con dimensioni dei lati che possono variare da pochi centimetri fino a circa un metro di lunghezza.

Recenti innovazioni hanno consentito l'ottenimento di manufatti a spessore più sottile (fino a 3 millimetri) ma anche superiore (fino a 3 centimetri) e delle dimensioni che arrivano fino a tre metri di lunghezza.

Altre innovazioni hanno permesso l'ottenimento di effetti e finiture superficiali differenti. 

Insomma se un tempo con il termine "piastrella" si identificavano due o tre categorie di prodotti, oggi la famiglia di prodotti si è molto allargata ed anche gli ambiti di applicazione si sono estesi. 

Uno di questi ambiti di applicazione è proprio l'utilizzo delle piastrelle per realizzare delle pavimentazioni esterne. Ma proprio per il fatto che esistono oggi tantissimi tipi di piastrelle è necessario chiedersi: quali caratteristiche devono avere delle piastrelle per esterno?
 

Le piastrelle in grès per esterno

La prima caratteristica delle piastrelle per esterno è che devono essere in grès. All'esterno non si possono utilizzare piastrelle in monocottura o in clinker. Si è dimostrato che, in genere, piastrelle prodotte con questi metodi hanno una durabilità minore rispetto al grès. A distanza di circa 20 anni iniziano i primi sintomi di degrado, solitamente dei distacchi di parti di smalto o scodellamenti che coinvolgono smalto e corpo delle piastrelle. 
Che si tratti di grès è quindi una condizione necessaria ma ancora non sufficiente.
 

Solo grès per i pavimenti esterni

La prima, fondamentale, caratteristica è che si deve trattare di un grès. Abbiamo spiegato questo metodo produttivo in un articolo dedicato, qui:

Grès porcellanato: come si produce

 cotto ad elevate temperature, con porosità ed assorbenza bassa. Più è bassa l'assorbenza più il prodotto è di qualità (e costa) ma riesce a garantire una durata nel tempo. La penetrazione dell'acqua all'interno del corpo della piastrella è, infatti, la maggiore causa di danni da gelo nel tempo. 

La piastrella da esterno deve, insomma, essere ingeliva.
 

All'esterno: piastrelle antiscivolo

Un'altra caratteristica che deve avere la piastrella da esterno è la non-scivolosità. Di questo abbiamo parlato in uno specifico articolo che approfondisce tutti gli aspetti della questione e di cui ti metto un link qui di seguito. 

Piastrelle e scivolosità

In estrema sintesi ti raccomando di privilegiare, all'esterno, gli aspetti di sicurezza rispetto a quelli della facile pulibilità del pavimento. Quindi preferisci una superficie ruvida, anche se difficile da mantenere pulita, rispetto ad una liscia ma scivolosa. 
Se poi si tratta di interventi su spazi pubblici o su immobili aperti al pubblico non è nemmeno una questione di scelta ma bisogna rispettare delle precise normative. 
 

Colore delle piastrelle per esterno

Risolti i requisiti necessari, ingelività e antiscivolo, si tratta di decidere il colore. Non è un aspetto secondario o puramente estetico in quanto all'esterno il pavimento viene irraggiato direttamente dal sole. Per questo motivo ti sconsiglio di acquistare una piastrella per esterno di colore troppo scuro, specie se hai intenzione di frequentare la pavimentazione a piedi scalzi (pensa ad un bordo piscina, ad esempio). Il pavimento si surriscalderebbe arrivando a temperature vicine agli 80 gradi in caso di colori molto scuri. 

Ma devi anche far attenzione ad utilizzare colori troppo chiari: il bianco ghiaccio, ad esempio, rischia di trasformare il pavimento in una superficie abbagliante. Anche questo potrebbe diventare un disagio per chi ci abita. 
 

Quale spessore per le piastrelle da esterno

Lo spessore della piastrella in grès per esterno può essere "normale", quindi di circa un centimetro, se scegli di incollare la piastrella sul massetto. Ma se decidi di posare la piastrella "a secco" - e cioè di appoggiarla su un supporto di pietrisco macinato o di sabbia - dovrai scegliere una piastrella a spessore maggiorato, di circa 2 centimetri o superiore. 

Alle piastrelle in grès ad elevato spessore abbiamo dedicato un'articolo di approfondimento che trovi qui:

Le piastrelle in grès ad alto spessore

 

Vediamo ora alcune applicazioni, alcune nostre realizzazioni, in cui abbiamo utilizzato delle piastrelle in grès all'esterno:

Pavimento esterno in gres, Vicenza

Pavimento in gres per esterno piscina a Verona

Pavimento in gres per esterni, Vicenza

Esterno in gres porcellanato e pietra, Vicenza

Piastrelle in gres per esterno, Verona

Portico esterno in gres effetto legno, Arzignano (VI)

Pavimento esterno in gres effetto rustico, Vicenza

Pavimento ad esterno piscina in gres, Verona

Gres effetto legno in una terrazza esterna

Specializzazione: Pavimentazioni interne in ceramica, legno, veneziana ed esterne in porfido, pietra, autobloccanti

 

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • Pietra di Goya e porfido, una pavimentazione particolare che fa incontrare due materiali naturali.. bello da vedere e un divertimento per i piccoli di casa. In fondo all'articolo il video in cui Viola corre in questo esterno (se volete farvi due risate vi consiglio di guardare il backstage).

  • Lo stucco viene sempre scelto dopo, ma la sua importanza non è certamente secondaria rispetto al pavimento o al mosaico per il quale abbiamo speso tanto tempo alla ricerca di quello giusto per noi. Uno stucco non vale l'altro!