Piscine

Le piscine a Vicenza e Verona

In questo articolo parleremo di piscine per case private, vedremo come si costruiscono, alcuni consigli utili, quali tipologie si possono acquistare e con che materiali si possono rivestire. 
Al termine troverai anche delle gallery con alcune nostre realizzazioni.

Ecco gli argomenti trattati:

 

Le piscine nella storia

Il termine “piscina” nell’antichità indicava un bacino di raccolta dell’acqua che poteva fungere da cisterna, da vivaio per i pesci o da spazio per nuotare, quando nei progetti delle Ville venete troviamo scritto "piscina" non dobbiamo pensare, quindi, al significato che se ne da oggi. 

Agli inizi del XVII secolo questa definizione cambia, ma siamo ancora lontani dal significato attuale. Lo stile dei tempi prevedeva di arricchire gli splendidi giardini con dei giochi d'acqua, tra i quali la piscina, che solitamente veniva collocata in mezzo a un giardino.

Queste piscine assolvevano soprattutto a funzioni estetiche: per dilettare i sensi di chi era in cerca di una fonte d’ispirazione e di riflessione.
La passione per le cose classiche aveva, anche in questo caso, riportato in auge l'utilizzo estetico della piscina che ne facevano gli antichi romani.

Quindi la piscina si evolve da luogo di aggregazione (nelle SPA romane), a spazio funzionale (cisterna/vivaio per i pesci nel medioevo) fino ad assumere uno scopo decorativo (Rinascimento) che dialoga con gli spazi esterni ed i viali. 


 

Le piscine residenziali oggi: vantaggi e caratteristiche

Il significato che diamo alle piscine, oggi, raccoglie alcuni degli antichi significati e ne assume di nuovi: una piscina valorizza gli esterni dell'abitazione, aumenta il prestigio, funge da sfondo per feste e banchetti, ha funzioni sportive e di rilassamento, diventa lo spazio perfetto per un compleanno dei figli ma anche per una festa aziendale.

Insomma svolge un un ruolo sportivo, ricreativo ed estetico.
Come questa piscina che abbiamo realizzato in provincia di Verona:
 

Piscina a verona
Particolare del pavimento di contorno di questa piscina a Verona

 

Romantica di sera, sportiva di giorno! 

Una piscina regala -  specie di sera, quando è illuminata - uno scenario emozionante. L'acqua gioca con la luce ed i riflessi azzurri ondeggiano sui muri delle abitazioni e nel giardino. Se si ha la fortuna di avere una grande vetrata panoramica la magia della piscina entra anche in casa e ce la si gode in ogni momento della giornata. 
Ecco la stessa piscina di sera:

piscina di sera, illuminazione
Piscina ultimata anche con l'illuminazione, a Verona

 

Come si costruiscono le piscine?

La scelta è oggi ampia. Le principali tecnologie per costruire delle piscine ad uso residenziale sono:

  • la costruzione in calcestruzzo
  • le piscine prefabbricate in polipropilene rinforzato con fibra di vetro
  • le piscine prefabbricate in acciaio

Le piscine in calcestruzzo sono tra le più diffuse, nonostante il costo complessivo più elevato, ma offrono il vantaggio di essere personalizzabili nelle dimensioni. I tempi costruttivi sono più lunghi perché occorre coinvolgere una impresa che si dedica allo scavo e alla gettata di cemento. 

Le piscine prefabbricate sono più veloci ma offrono una gamma (limitata) di forme predefinite. L'acciaio costa molto più della fibra di vetro, ma garantisce una più lunga durata nel tempo. 

Quale profondità per le piscine di casa?

Non occorrono grandi profondità, si può nuotare bene già con una profondità di 1,20 mt. anche se noi consigliamo di arrivare ai 2 metri nella zona più profonda.
Questa profondità ci consente di avere un notevole risparmio di acqua, di prodotti chimici per il trattamento e di spese per l'eventuale riscaldamento. 

 

Quale pavimento per le spiagge delle piscine?

Su questo aspetto abbiamo un bel po' di esperienza. Il consiglio, per il pavimento per gli spazi di contorno della piscina è quello di tenere conto di alcune esigenze di base: 

  • il pavimento non deve essere scivoloso (antiscivolo sia a piedi calzati che a piedi scalzi)
  • ma non va nemmeno bene che sia "carta vetrata"
  • deve essere ingelivo
  • non deve surriscaldarsi troppo, dato che ci si sta a piedi nudi
  • non deve essere abbagliante (quindi non bianco)

Anche qui la gamma di prodotti è notevole: dal WPC, al bambù, alle essenze di legno adatte all'esterno, al grès porcellanato in spessore normale oppure in grès ad alto spessore (che ci consente di lavorare meglio i bordi).

Leggi anche: Le pavimentazioni esterne

 

Una piscina di stile classico 

A Lonigo (Vicenza) abbiamo utilizzato un pavimento in pietra di Prun per il pavimento della spiaggia della piscina e abbiano rivestito i muri perimetrali con della quarzite multicolor.
Una piccola porzione del pavimento, nella zona tuffi, è in teak da esterno. Vi raccontiamo questa realizzazione in questo articolo:

Una piscina classica: Pietra di prun e teak 

pavimento piscina a Lonigo Vicenza
Piscina a Lonigo

 

 

Una piscina moderna

A Valdagno (Vicenza) abbiamo realizzato "chiavi in mano" sia la piscina che il giardino. Nel progetto del giardino una aiuola rocciosa con un granulato grigio emerge dal prato in finta erba sintetica di altissima qualità. La spiaggia della piscina è in grès porcellanato grigio e moderno.
Nell'articolo che segue spieghiamo anche come abbiamo curato tutto, compresa l'illuminazione e la musica. 

Una piscina moderna: grès, erba sintetica e... musica!

Piscina moderna a Valdagno vicenza
Una piscina a Vicenza


Rivestimento in piastrelle di una piscina

In questo altro articolo abbiamo documentato, fotografando le varie fasi, la posa in opera del rivestimento interno della piscina in piastrelle. Si parte dall'impermeabilizzazione fino alla foto della piscina ultimata. 

Fotostory del rivestimento di una piscina a Vicenza

Realizzazione di una piscina, foto storia

Le piastrelle in grès porcellanato sono il prodotto che garantisce una maggior durata nel tempo del rivestimento interno della piscina. Rispetto al telo o ad altri materiali, il grès è inattaccabile dagli acidi, resiste a sbalzi di temperatura anche notevolissimi, resiste al taglio, al graffio, all'usura... 

Ha solamente due punti deboli:

  • il primo è la qualità della posa in opera
  • ed il secondo sono le fughe

La posa in opera deve essere ben curata, con rasature e collanti adeguati. Tieni conto che il rivestimento dovrà resistere anche alla differenza di pressione che si crea quando si riempie e, poi, quando si svuota la piscina.

Ma il problema principale sono le fughe che possono subire i danni del tempo e diventare dei punti deboli da cui l'acqua si infiltra e scalza, con il tempo, la piastrella. In una piscina l'ideale è utilizzare una stuccatura epossidica oppure ridurre al minimo le fughe utilizzando piastrelle di grandi dimensioni, come nella gallery che segue: 

 

 

Approfondimenti

  • Un angolo relax direttamente nell'esterno di casa tua. Mini piscina Jacuzzi contestualizzata in un portico che sa di ferie estive.

  • La piscina è un luogo di benessere, di ricreazione e di rigenerazione. Questa realizzazione, nel mezzo del verde dei colli di Lonigo, ha permesso di realizzare una piccola oasi ordinata, riservata e accogliente all’interno di un ambiente naturale.

  • La realizzazione di un rivestimento piscina: dall'impermeabilizzazione al tuffo dal trampolino

  • Un cliente esigente, una meravigliosa casa ipermoderna, la nuova piscina da realizzare "chiavi in mano". È un nuovo compito per il reparto Atelier Casa della Fratelli Pellizzari che realizza per pochi, selezionati clienti i lavori con la formula del chiavi in mano