Perché a Venezia facevano il pavimento alla Veneziana?

"Vivere a Venezia,
o semplicemente visitarla,
significa innamorarsene
e nel cuore non resta più posto per altro."


(Peggy Guggenheim)

10/01/2019

I terrazzi alla Veneziana che si vedono in moltissimi palazzi e case a Venezia destano ammirazione dei turisti di ogni nazione. Se la storia di questa singolare città è affascinante, lo è anche la capacità dell'architettura di adattarsi alle esigenze costruttive così singolari. La scelta di utilizzare questi pavimenti è una combinazione di fattori tecnici ed estetici, vediamoli!

Terrazzieri che posano la veneziana ed i loro strumenti
Argomento Wiki
Veneziana

Il pavimento alla veneziana e Venezia

Venezia vive di riflessi. I suoi palazzi si specchiano sull'acqua che ne esalta, se mai ce ne fosse bisogno, la bellezza senza tempo di architetture ardite. Come poteva una città così narcisista, nata per essere ammirata, non innamorarsi di un pavimento che cattura e fotografa, grazie alla sua lucentezza, i riflessi azzurri del cielo attraverso le grandi finestre?

E poi... la luce, che questo pavimento è in grado di catturare e far rimbalzare tra le pareti di questi palazzi stretti uno all'altro. La luce è un dono prezioso a Venezia, le finestre si alzano altissime per catturarla e serviva un pavimento che fosse in grado di proiettarla ovunque, questa luce. 

 

 

Pavimento alla Veneziana


Veneziana: un opera d'arte

Ma non poteva essere un semplice pavimento!
Venezia ci ha abituato al miracolo di riuscire a trasformare oggetti umili, come un bicchiere, in piccole opere d'arte. Il contorno di una finestra può diventare un racconto di pietra, in grado di emozionare dopo centinaia di anni.

E così hanno fatto anche per il pavimento alla Veneziana: la sensibilità ed il talento di questo popolo hanno saputo trasformare in una vera e propria opera d'arte questo umile pavimento, nato utilizzando gli scarti del marmo, non accontentandosi mai del risultato ma migliorandolo ancora ed ancora, generando veri e propri capolavori. 

Ma come è nato questo amore tra una città ed un pavimento? 
 

Una veneziana a Venezia

 

Il pavimento in Veneziana: le origini

La storia del terrazzo ci racconta che l'origine di questo pavimento deriva dal pastellone (in lingua veneta "pastelòn"). Quest'ultimo deriva dal cocciopesto, pavimentazioni impiegate frequentemente in età medioevale nelle costruzioni veneziane e caratterizzate dal fatto avere una finitura superficiale a calce colorata in rosso, verde o giallo. 

 

Pastellon


Verso la fine del Quattrocento dal pastelòn nasce il terrazzo alla veneziana. L'invenzione sembra frutto del contributo delle maestranze friulane che vi avevano apportato una variazione: l’inserimento, nell’ultimo strato della pavimentazione, di frammenti e granelli di marmo di vari colori. 
Questo tipo di pavimentazione si diffonde velocemente a partire dalla metà del Cinquecento, tanto da dare origine alla "schola dei terrazzieri".

 

Per fare i pavimenti delle Stanze e delle Sale, si usa una certa maniera che in Venetia chiamasi terrazzo. 


Il terrazzo diventa un affresco decorato

La tecnica col tempo si perfeziona: i terrazzieri dispongono le scaglie in modo sempre più accurato fino a dare luogo ad intarsi e decori fino ad arrivare al Settecento in cui il decoro raggiunge vette artistiche che ancora oggi destano ammirazione. 


 

Decoro pavimento veneziana

 

La veneziana: perché proprio a Venezia? 

Questa è la domanda a cui questo articolo vorrebbe dare risposta: "Perchè proprio a Venezia?"
Perché il terrazzo alla veneziana si è diffuso in modo così capillare fino a diventare il pavimento più utilizzato per ricoprire i "soler" in legno Veneziani? 

Gli aspetti estetici sono sicuramente importanti ma in questa città, così bella e particolare, dovevano esserci anche dei motivi tecnici che spingevano all'adozione di un pavimento tanto particolare e laborioso da mettere in posa.

A nostro avviso i fattori tecnici sono principalmente tre:

► SUPERFICIE CONTINUA

La veneziana (a calce) consentiva di essere stesa in una superficie continua, senza fughe o giunti, su superfici molto grandi. Si pensi a quelle di Palazzo Ducale ed in particolare a quella della sala del Maggior Consiglio, più di 1300 metri quadrati senza nemmeno un giunto. I giunti, in un palazzo che si regge su palafitte infisse nel fango si possono ampliare fino a diventare fessure che diventano difficili da pulire. La superficie continua è più igienica e più semplice da mantenere linda. 

► PAVIMENTO FLESSIBILE

Il secondo motivo è che la Veneziana a base calce ha la capacità di adattarsi senza rompersi. E' un pavimento flessibile che reagisce ai cambiamenti strutturali dei palazzi Veneziani adattandosi. I movimenti sono dovuti al cedimento del suolo fangoso su cui sono infissi i pali per realizzare le fondazioni. I palazzi veneziani sono quasi sempre soggetti a deformazioni strutturali - in certi casi evidentissimi - e questo pavimento riesce a seguire tali deformazioni senza che si creino crepe. 

► COLLABORA ALLA SOLIDITÁ

La terza ragione è che il peso, notevole, di un pavimento alla Veneziana distribuito su tutto il solaio in legno che lo sostiene rende più stabile l'edificio. Insomma il peso della veneziana, che diventa un carico posto sul solaio, mantiene ferme e connesse alle pareti le travi , evitandone i movimenti.
 

 

Da Venezia al mondo

I terrazzieri veneziani, dopo la caduta della Repubblica Serenissima, iniziarono a viaggiare in tutta europa in cerca di lavoro e diffusero questo pavimento al nord, in Germania, in Danimarca, in Polonia ed in Romania.

Alla fine del 1800 il cemento prende il posto della calce, nell'esecuzione del terrazzo,  e all'inizio del 1900 viene inventata la levigatrice elettrica. Queste due innovazioni rendono più facile l'esecuzione del terrazzo che emigra anche in Inghilterra e addirittura negli Stati Uniti approdando anche alla Casa Bianca, dove alcune stanze vengono realizzate in terrazzo.

 

La veneziana oggi

La storia d'amore tra i Veneziani ed il pavimento alla Veneziana continua ancora oggi. Sono sempre numerosi i pavimenti di "terrazzo alla Veneziana" che vengono realizzati ogni giorno in tutto il Veneto. Non solo nei lussuosi Palazzi, ma anche in appartamenti, case, fattorie rustiche e villette moderne... 

La veneziana continua a spandere riflessi di luce e sprazzi di cielo azzurro nelle case di Vicenza e Verona, di Padova e Treviso... raccontando agli orgogliosi committenti, una lunga storia d'amore nata sulle rive dei canali della Città più bella del mondo. 

>>Scopri le foto di questa casa in cui abbiamo posato la veneziana>>

Libro "I pavimenti alla Veneziana"

Michele Pellizzari - Fratelli Pellizzari

Specializzazione: Pavimentazioni tecniche, facciate ventilate, pavimenti sopraelevati, grandi cantieri.

Michele ha passato l’infanzia a Tezze di Arzignano ed ora abita ad Arzignano.

Lascia un tuo commento

I tuoi dati saranno mantenuti privati e non saranno mai mostrati pubblicamente.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • idroscopino bossini rivenditori negozio arredo bagno a Vicenza Verona

    Addio vecchio e brutto scopino e benvenuto idroscopino! Con questo slogan viene presentata una particolare soluzione per l'igiene del sanitario più problematico: il water. Un apparecchio che si rivelerà essere utile, comodo e di facile installazione, in qualsiasi bagno.

  • pavimento alla veneziana terrazzo decoro negozio pavimenti Vicenza provincia Verona

    Da ormai una quindicina d'anni viene proposta la veneziana in resina come moderna alternativa alla tradizionale veneziana a cemento. Quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi delle due tipologie? 

  • ventilazione meccanica in casa

    Negli immobili costruiti fino a 20 anni fa gli spifferi provvedevano abbondantemente (fin troppo) al ricambio dell'aria interna degli edifici. L'avvento della nuova edilizia ha visto pareti ed infissi sempre più isolanti: ora si tratta di gestire il ricambio dell'aria per evitare condensa, muffa e batteri. 

  • riscaldamento pavimento impianto ktech vicenza

    Perchè l'impianto radiante a pavimento è il sistema di riscaldamento più richiesto ed utilizzato nelle nostre zone (Vicenza e Verona).
    Storia, caratteristiche, pregi e difetti.