Resina Kerakoll ed Oltremateria: un confronto

Nessuno è perfetto…
è per questo che le matite hanno la gomma.

(Anonimo)

01/21/2019 - 17:02

Quali sono le migliori resine per pavimenti e rivestimenti oggi disponibili? Quali consigli possiamo darti per scegliere la tua nuova resina?

Argomento Wiki
Pavimenti in resina

Qual è la resina migliore? 

Una delle domande che ci fanno i nostri clienti è: "se decido di fare un pavimento in resina, quale tipo mi consigli?".
Se anche tu stai pensando di rivestire una superficie di casa tua in resina  e ti stai domandando quale tipo utilizzare, allora dovresti leggere questo articolo. 

Kerakoll e Oltremateria

Ci sono centinaia di tipologie di resina in commercio e tra queste noi abbiamo scelto Kerakoll ed Oltremateria.
Perchè questi due marchi di resina? Perchè la resina è un prodotto che può dare problemi: sappiamo che non va d'accordo con l'umidità, che può creparsi, può consumarsi... 
Insomma la resina è un materiale che bisogna "maneggiare" con attenzione e per questo abbiamo deciso di affidarci ad aziende di primaria importanza a livello nazionale ed anche internazionale.
Vogliamo poter essere certi che in caso di problemi con la resina i nostri interlocutori siano seri ed affidabili e che intervengano per risolvere. 

La resina migliore non esiste

Pur avendo ristretto di molto la scelta, ti ho lasciato comunque un dubbio: qual è la migliore resina tra Kerakoll ed Oltremateria?
Non esiste una risposta secca: molto dipende dall'ambiente di utilizzo ed in alcuni casi la resina non è proprio da usare. 

La mia opinione è che, tra questi due tipi di resina, quella di Kerakoll è più adatta a spazi direzionali o commerciali, in cui sia richiesta una maggiore prestazione in termini di resistenza. Mentre Oltremateria è più adatta ad un utilizzo residenziale

Questo si capisce anche dal catalogo delle due aziende: Keracoll ha dieci colori, molto tecnici e minimal. Kerakoll è perfetta quando si tratta di realizzare ambienti di design, estremamente rigorosi. 

i colori di Kerakoll


Oltremateria ha una mazzetta di colori molto più vasta e mette a disposizione anche colorazioni calde, tinta terra o mattone. Molti di questi colori riescono a combinare la modernità del prodotto con l'ambiente casa che deve essere comunque caldo ed accogliente
Inoltre Oltremateria mette a disposizione molte più texture, più possibilità di intervenire sulla grafica della superficie. 
 

I colori di Oltremateria


Quale resina è più biocompatibile? 

Questa è un'altra domanda che spesso ci fanno i clienti e che potrebbe aiutarti a scegliere. Tra l'altro è un argomento a cui anche noi siamo molto sensibili e che utilizziamo per scegliere con chi lavorare.

In tutte le resine c’è un polimero acrilico che fa da legante e che deriva dal petrolio. L'unica che fa (quasi) eccezione è proprio Oltremateria che ha sostituito il polimero acrilico con l'olio di girasole. Ho messo il quasi tra parentesi perchè non è stato sostituito al 100%, ma all'85%. Quindi un po' di polimero rimane. Ma al momento questa è la scelta migliore, tra le resine più note,  in termini di rispetto per l'ambiente e per le persone che abiteranno gli edifici rivestiti in resina. 
 

resina Oltremateria biocompatibile

 

Tra l'altro, recentemente, Oltremateria è è stata inserita nel prestigioso Annuario 2019 denominato "The next Building" in quanto è stata riconosciuto il suo impegno nella produzione e distribuzione di prodotti e tecniche innovative ed eco-sostenibili con particolare attenzione nella riduzione dell’impatto ambientale e al benessere delle persone. 


Esiste una resina antibatterica?

Anche questa è una considerazione molto importante e di cui dovresti tenere conto se stai costruendo casa. Le superfici antibatteriche migliorano la vivibilità degli ambienti indoor.  Ed infatti esistono piastrelle antibatteriche ed esistono intonaci e tinteggiature a base calce studiati per essere antibatterici.
Ma esistono delle resine antibatteriche

Ebbene si, la superficie ECOPUR, sempre di Oltremateria, è una ecomalta in cui l’ultimo strato protettivo è ionizzante. In parole povere lo strato finale di protezione della resina ha una composizione diversa che per contatto uccide il batterio e, quindi, mantiene pura l'aria all'interno delle abitazioni. Questo strato finale della resina non ha decadimento nel tempo, pertanto continua a mantenere la superficie esente da batteri negli anni. 

Ecopur garantisce la superficie come "battericida". La differenza tra battericida e batteriostatico sta nel fatto che una superficie batteriostatica è quella in cui il batterio si deposita ma non riesce a proliferare. Mentre una superficie battericida, come l’ecopur, è quella in cui il batterio viene ucciso. Qui sotto la campagna pubblicitaria di presentazione del prodotto da parte di Oltremateria:

Resina biocompatibile Ecopur

 


Grazie!

Grazie per aver letto il mio articolo. Spero di averti dato alcune informazioni e consigli utili per la tua scelta.
Se hai dubbi o se vuoi consigli (e se abiti da queste parti) puoi fissare un appuntamento con me nel nostro negozio di Arzignano (Vicenza) cliccando qui. Siamo in grado di eseguire lavori nelle province di Vicenza, Verona e Padova. 

Se, invece, abiti troppo lontano ma hai comunque bisogno di informazioni mandami una mail e sarò felice di risponderti!!

Specializzazione: cappotti, cartongesso, pitture

 

Commenti

Buongiorno, ho letto le vostre recensioni su vari prodotti edilizi (complimenti perchè sono chiare e semplici da capire) e vorrei un vostro parere professionale: volevo rivestire con la resina una scala fatta in marmo (granito sale e pepe). Attualmente la scala ha il toro e non vorrei disfarla ma semplicemente ricoprirla per dargli un'altro colore.

Mi sapete indicare se è possibile ricoprirla di resina (magari anche totalmente bianca) e quali prodotti usare? Il fatto che la scala è in marmo e ha il toro è un problema?

Grazie

04/03/2019 - 17:18 - Andrea

Buon Giorno Andrea
Grazie della domanda, per rifare la scala non è necessario come scrivi tu disfarla ma è comunque indispensabile levigarla per permettere alla resina di aggrapparsi. Se vuoi  eliminare il toro potresti, se gli spazzi lo permettono, aggiungere dei pannelli a chiusura dell'alzata e ancorati alla base, una volta resinati avrai un effetto uniforme e moderno.
Per quanto riguarda la resina non ti indico modelli particolari, l'importante è che sia una bi componente. Queste resine solitamente possiamo proporle in qualsiasi colore, normalmente optiamo per i Ral, così da avere una base per eventuali aggiunte intorno alla scala.

Grazie e buona giornata
Roberto

Buongiorno, sto valutando di rivestire le piastrelle della doccia che ricoprono sia le pareti che il piatto, bisogna fare qualche trattamento particolare prima di posare la resina?

09/10/2019 - 16:22 - gabriele

Buon Giorno,
Ho letto con interesse il suo articolo. Molto istruttivo.
Due domande:
1) il prodotto (resina) che vantaggi puo avere applicato sulle pareti vis a vis normale pittura? Kerakoll ha anche pittura con gli stessi toni. Lo stesso vale per Otremateria?
2) Per ciò che riguarda il Prezzo qualche indicazione costi al m2?
Grazie della cortese attenzione.

09/22/2019 - 14:47 - sergio luciani

Ciao Gabriele, 

la resina è molto più resistente all'abrasione rispetto ad una normale pittura. La superficie resinata cristallizza quindi è più facile da pulire e rimane più igienica. In ogni caso i produttori di resina forniscono quasi sempre anche delle pitture con gli stessi toni ma, attenzione, l'effetto finale non può essere identico... cambierà la luminosità, la capacità di riflettere, anche la profondità del colore. 

Per avere un prezzo è necessario conoscere l'entità della superficie da resinare ed inoltre tieni presente che noi lavoriamo solamente nelle provincie di Vicenza e Verona. 

grazie per le domande, ciao!

 

09/30/2019 - 16:06 - manager

buongiorno, siamo a Matera e sarei propenso a utilizzare la resina per la pavimentazione di 6 case vacanza nel centro storico per superficie di circa mq 350. Come già letto è probabile che utilizzo quella della kerakoll, potrei avventurarmi a posarlo in fai da te?

11/03/2019 - 10:53 - paolo stagno

Ciao Paolo, 

no, non è una buona idea. I cicli applicativi sono molti e sono difficili da realizzare anche per dei posatori di resina formati ed esperti. Per cui ti sconsiglio decisamente il "fai da te"
Visto il tipo di utilizzo mi sentirei di consigliarti un pavimento come questo:

https://www.fratellipellizzari.it/blog/pavimenti-bagni-montegalda-vicenza

Prova a darci un occhiata: si tratta di grandi lastre in grès con una superficie che sembra pietra ma anche resina, conferiscono neutralità al pavimento ed eviteresti le problematiche di usura e di graffi sulla resina.

So che Matera, come il Veneto, ha subito grossi danni per il maltempo della scorsa settimana per cui ti faccio un grosso in bocca al lupo! Vi siamo vicini! 

Ciao!

11/19/2019 - 11:48 - manager

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...