Posa delle grandi lastre: la doppia spalmatura

07/01/2020 - 15:56

Attrezzatura professionale per posare i grandi formati delle lastre 

Posa delle grandi lastre e applicazione dell'adesivo

L'importanza della corretta ed uniforme distribuzione del collante nel retro della piastrella è nota. Ma con l'introduzione sul mercato di piastrelle di grandi e grandissime dimensioni questo argomento è diventato di fondamentale importanza.
In questo articolo cercheremo di capire: perché è importante la stesura corretta dell'adesivo quando si posano le grandi lastre?
Quali sono i rischi in caso di spalmatura di adesivi non corretta sulla piastrella?
Che spessore di colla serve per le piastrelle di grande formato e spessore sottile?  

Al termine dell'articolo avrai imparato come si applica l'adesivo quando si posano delle grandi lastre.
 

colla piastrella stesura
Il nostro posatore stende la colla nel rivestimento bagno prima di posare la grande lastra

 

Come si applica l'adesivo sulla piastrella?

Quando si deve applicare l'adesivo sul retro di una piastrella, l'obiettivo è quello di riuscire a distribuirlo uniformemente cercando di coprire completamente tutta l'area. Tanto più la superficie della piastrella è coperta dall'adesivo tanto migliore sarà il risultato finale della posa. Idealmente se il 100% della superficie è coperta dal collante saremo in presenza di un'adesione perfetta
Il concetto sembra banale, ma non lo è. Anzi, all'aumentare delle dimensioni delle piastrelle aumentano anche le difficoltà a soddisfare questo requisito ed a raggiungere la copertura totale. 

colla piastrella Vicenza posa
Posatori all'opera nella stesura della colla in una grande lastra

 

Perché è importante la copertura totale dell'adesivo?

Prima di capire le difficoltà cerchiamo di capire le ragioni per cui è importante una bagnatura del 100%. I motivi sono sostanzialmente tre:

  • rendere più resistente il pavimento rispetto alla possibile rottura da carichi concentrati, tantopiù che queste piastrelle sono di spessore ridotto rispetto ad un gres comune
  • rendere più resistente il pavimento esterno da problemi di gelività
  • rendere più performante il pavimento in caso di impianto di riscaldamento a pavimento (migliore distribuzione dell'adesivo = migliore passaggio del calore).

Analizziamo i singoli punti partendo dal primo: evitare le rotture.

Adesivo non ben distribuito e rotture

La presenza di vuoti sul retro della piastrella dovuti alla mancanza di strato adesivo, può causare la rottura in caso di carico concentrato elevato. Questo vale in generale ma è ancora più importante nel caso di piastrelle di grandi dimensioni (grandi lastre) e di spessore sottile. 
Generalmente le grandi lastre hanno uno spessore variabile dai 5 millimetri di Kerlite e Laminam, fino ai 6/7 millimetri di Floor Gres ed Abk. Queste tipologie di piastrelle hanno una minore resistenza alla flessione rispetto alle piastrelle tradizionali (spessore 1 cm.)
 
Uno strato adesivo ben distribuito consente, invece, la sopportazione di carichi concentrati senza fratture. 

piastrelle rottura gelo
Piastrella rotta a causa di vuoto nello strato sottostante alla piastrella


 

Colla non ben applicata e gelività 

Quando posiamo un pavimento in gres all'esterno dobbiamo considerare un ulteriore aspetto: la presenza di vuoti sotto alla piastrella possono permettere il ristagno dell'acqua che, gelando aumenta di volume e finisce per provocare il distacco della piastrella. Ma anche in assenza di gelo la presenza di acqua sotto alla piastrella finisce per compromettere - seppure nel lungo termine - lo strato di adesivo. 

 

Colla e passaggio del calore nel pavimento

Se un pavimento viene incollato evitando il formarsi di bolle d'aria, questo per mancanza di colla, le performance del riscaldamento saranno maggiori. L'aria è un isolante naturale.


La doppia spalmatura

Per doppia spalmatura si intende la tecnica per cui l'adesivo viene applicato prima sul massetto o sulla parete e poi sul retro della piastrella. Rispetto alla tecnica della spalmatura singola, solo sul retro della piastrella, la doppia spalmatura riesce a raggiungere una copertura maggiore della superficie. 

La doppia spalmatura va realizzata applicando l'adesivo parallelamente al lato corto della piastrella (in caso di piastrella rettangolare). La direzione della spatolata che si usa sulla piastrella deve essere la stessa che poi si utilizza anche sulla parete o sul pavimento. Vanno evitati gli INCROCI che potrebbero intrappolare micro-bolle d'aria. 

Va fatta molta attenzione al tempo aperto del collante, specie in periodi dove le temperature sono molto elevate ed il clima asciutto: se si forma la "pelle" sopra all'adesivo si compromette la posa. Per questo noi facciamo eseguire la doppia spalmatura a due operatori diversi in contemporanea, per evitare che passi troppo tempo dalla distribuzione dell'adesivo all'applicazione. In alternativa si possono utilizzare degli adesivi a tempo aperto allungato (Classe E secondo la Norma Uni Eun 12004).

In caso di piastrelle di grandi dimensioni la doppia spalmatura è obbligatoria!

 

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • La parola "focolare" è passata dal descrivere l'oggetto camino al definire l'ambiente famigliare, l'intimità e la serenità della nostra casa. Spesso si aggiunge l'aggettivo "domestico" per meglio specificare il significato di una parola che sembra conferire un anima all'edificio. È così da centinaia di anni e sarà sempre così: il fascino del fuoco è atavico e non possiamo evitare di rimanerne ipnotizzati.

     

  • Le foto ed il video di posa di un progetto intrigante, che nasce grazie alla splendida collaborazione con un Architetto e con la committente e che regala vivacità ad un ambiente bellissimo. 

  • La calce è stata abbandonata, negli ultimi 50 anni, a favore del cemento che garantisce una più facile lavorabilità. Ma ora sta ritornando protagonista degli intonaci, richiesta per una serie di caratteristiche, prima fra tutte il comportamento igroscopico.