Pavimenti alla veneziana famosi: il pastellone della Rotonda, Vicenza

I pavimenti di Villa Capra

10/25/2018 - 15:33

Un pavimento che ha superato i secoli per arrivare fino a noi, testimone silenzioso della storia dei pavimenti alla veneziana. 

Il pavimento alla veneziana di Villa "La Rotonda" a Vicenza

Villa Almerico Capra detta La Rotonda, ora di proprietà dei Conti Valmarana, è una villa veneta a pianta pianta centrale tonda. A caratterizzare questa meravigliosa villa è proprio il fatto che la forma del salone centrale sia un cerchio e che questo sia inscritto in un quadrato.

Cerchio e quadrato, forme perfette che finalmente il Palladio, dopo molti progetti mai realizzati, riuscì a far convivere in una abitazione.

La villa di città - non di campagna come la maggior parte delle ville venete - venne  commissionata all'architetto vicentino da colto un uomo di chiesa, Paolo Almerico, che al ritorno da Roma la fece costruire su una "amenissima collina".

L'edificazione ebbe inizio dal 1566 e fu successivamente completata dai due fratelli Capra che acquisirono l'edificio nel 1591.

È certamente l'edificio più celebre del Palladio, la sua icona ed uno dei più imitati della storia dell'architettura. Dal 1994 è patrimonio dell'Unesco, è una tappa immancabile per gli architetti di tutto il mondo ma anche di  decine di migliaia di turisti che vengono a visitarla ogni anno. 

La pavimentazione del piano nobile

Fatta eccezione per due salette pavimentate con delle mattonelle esagonali (il cui esame risulta impossibile in quanto le stanze non sono sono visitabili) tutto il piano nobile della villa è stato realizzato in "pastelon" e cioè un impasto di calce, cocciopesto e frammenti di marmo ed altri inerti, steso, battuto e lucidato.
Sono evidenti le tracce di quelli che un tempo erano i decori, bindelli, fascioni che contornavano le stanze. Sinuosi agli angoli si presentano con interessanti contrasti di colore.
L'arancione del fondo è separato da un bindello di colore verde ed il tutto è contornato da un rosso cardinale. Purtroppo la decorazione è ormai quasi invisibile, consumata dal calpestio di centinaia di anni. 

Quello che è rimasto e che è visibile, sotto alla decorazione superficiale consumata, è il "corpo" del "pastelon". Che si presenta, dopo 5 secoli, ancora molto compatto, con qualche crepa nei punti più critici ma - notare - senza nemmeno un giunto (potere della calce!).

Come sa chi ha letto il nostro articolo sulla storia del pavimento alla veneziana , è alla fine del XV secolo - esattamente quando è stata realizzata la Rotonda - che si inizia a decorare il pastelon con dei frammenti, delle scaglie di marmi.

Ed infatti nel corpo del pastelon si vedono, sparsi nella superficie dal fondo rosaceo. Qualche decennio dopo la tecnica si sarà affinata e nasceranno le prime Veneziane. Ma questa è un'altra storia. 

Specializzazione: Michele è uno dei quattro fratelli Pellizzari, ha una fortissima passione per la storia e l'architettura: è il nostro "Professore"

Michele è nato e vissuto ad Arzignano. Fin da piccolo (ci racconta la mamma) ha sempre amato leggere, più che giocare.

Lascia un tuo commento

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • Il tetto in legno piace particolarmente nelle abitazioni, richiama la tradizione costruttiva più classica nel mondo occidentale, sia per la struttura che per gli elementi di finitura. Anche nelle ristrutturazioni e nei contesti storici questo tipo di tetto si adatta molto bene a differenti stili di arredamento. 

  • Nella foto al microscopio la superficie di una piastrella in grès porcellanato. Sono evidenti le microporosità, invisibili ad occhio nudo. Resistenza e porosità sono strettamente collegate, nel mondo delle piastrelle in ceramica. Esaminiamo questi aspetti.

  • L’eleganza è la parola chiave per uno spazio doccia che riesce a coniugare la praticità della pulizia con un ricercato gusto estetico creando un gioco di trasparenze che rende il bagno raffinato e moderno.

  • "Lavorare duramente per qualcosa di cui non ci importa nulla è stress.
    Lavorare duramente per qualcosa che amiamo è passione."