Il gres porcellanato smaltato

Dalle piastrelle in gres a tutto impasto
a quelle in gres smaltato con tecnologia digitale

25/10/2018

Un prodotto, il grès,  nato per NON essere smaltato, è stato smaltato ed è stato un successo. Il mercato ne ha determinato la diffusione infischiandosene delle proteste dei puristi. Il recente avvento delle tecniche di lappatura e decorazione digitale ne ha consacrato l'assoluto primato commerciale. 

Argomento Wiki
Grès porcellanato

Il gres porcellanato smaltato

Già dal nome è facile intuire la contraddizione tra la parola "grès", che evoca il significato di prodotto a tutto impasto, e la parola "smaltato", che sembra contraddire quella che la precede.  

In questo approfondimento tratteremo della nascita di questo prodotto, del grès porcellanato smaltato. Scopriremo come sia il risultato del tentativo di smaltare il grès a tutto impasto per migliorarne la resa estetica e di come, già dai primi anni del 2000, sia divenuto l'articolo più venduto nel mondo delle piastrelle in ceramica. 

Prima di descrivere il processo produttivo racconteremo gli smalti, quindi capiremo quanto grès smaltato si vende oggigiorno e concluderemo parlando della smaltatura digitale, l'ultima frontiera del grès porcellanato smaltato. 

Che cos'è lo smalto per piastrelle

Gli smalti sono miscele di minerali e composti che vengono anche detti fritte. Gli smalti vengono confezionati miscelando  caolino, sabbia silicea, ossidi diversi, pigmenti coloranti. Una volta ottenuta la miscela desiderata vengono applicati sulla superficie della piastrella che poi sarà inserita in forno provocando la fusione dello smalto.

Nella fase di raffreddamento lo strato fuso solidifica, formando un vetro, che conferisce alla superficie della piastrella particolari :
colore
brillantezza
decorazione 

e caratteristiche tecniche:
durezza 
impermeabilità
 pulibilità 

 

La cottura del grès smaltato

La fase più critica del processo produttivo è il fissaggio e la stabilizzazione  dello smalto sulla superficie della piastrella cruda che avviene dunque mediante un trattamento termico. 
È la cottura che permette la fusione dello smalto, ed è durante questa fase che questo assume un'adeguata fluidità onde assicurare una buona stesura, un completo ed uniforme ricoprimento della superficie. Ma il passaggio in forno è indispensabile soprattutto per consentire un buon ancoraggio dello smalto al supporto.

 

Perché smaltare il grès? 

Perché parliamo di smalti in combinazione con il grès?
Molti ricordano, prima dell'avvento del grès, che le piastrelle ceramiche che si "sbeccavano": a seguito della caduta di oggetti lo smalto si staccava facilmente dal supporto scoprendo il corpo della piastrella, sovente di color mattone scuro.  
Si trattava di piastrelle in ceramica prodotte con i processi della bicottura o della monocottura, piastrelle più fragili. Con l'avvento del grès abbiamo imparato che, a differenza delle piastrelle del passato, queste erano "a tutto impasto", quindi perché smaltare un prodotto la cui principale virtù è il fatto di essere un corpo unico ? 

Perché snaturare la stessa essenza del grès? 

La nascita

Per comprendere le motivazioni dobbiamo fare un passo indietro e raccontarvi come, tra il 1994 ed il 1995,  nel distretto ceramico di Sassuolo alcune aziende iniziano a fare degli esperimenti, apparentemente poco logici e moltissimo criticati. 
Si inizia a sperimentare la preparazione e l'applicazione di smalti su supporti in gres porcellanato con l'obiettivo di creare un prodotto ibrido che abbia le caratteristiche di resistenza del grès ma che migliori le caratteristiche estetiche, in cui il decoro sia più preciso.

In quel periodo vanno di moda i prodotti rustici ed in particolare delle imitazioni di marmo anticato, prodotto che il grès a tutta massa non riesce ad imitare fedelmente. Le venature sono sbiadite, poco visibili.

I primi tentativi di decorazione permettono, invece, di ottenere delle venature vivide, realistiche, ben disegnate, molto simili al marmo. Per la commercializzazione bisogna aspettare ma il gres porcellanato smaltato, ormai, è nato. 


Lo smaltato è una truffa?  

Alla gran maggioranza dei produttori questa appare una "falsificazione" del gres, la cui caratteristica peculiare era proprio quella di essere un prodotto a tutta massa. Moltissimi sono contrari e attaccano con veemenza questi tentativi di uscire dalla retta via che vorrebbe uno sviluppo della decorazione su grès "senza trucchi", con dei decori realizzati a polvere che attraversano l'impasto. 
 
Ma gli esperimenti proseguono: si continuano a testare  nuovi smalti in cui la parte argillosa è minore ed il bianco è prevalente con l'obiettivo di riuscire ad assicurare un adeguato accordo dilatometrico tra smalto e supporto in gres. 

 

Gli smalti giusti

L'obiettivo dei produttori è trovare degli smalti compatibili con il supporto crudo in gres da applicare dopo l'essicazione ed in grado di migliorare l'aspetto estetico e migliorare la facilità di pulizia della piastrella, rendendo la superficie più liscia.
È, inoltre, importante che lo smalto compenetri e si agganci al supporto che è molto meno poroso delle "vecchie" monocolture. Una compenetrazione insufficiente comporterebbe una scarsa resistenza all'usura del prodotto. 

 

La tecnica

La tecnica è del tutto simile a quella già in uso per la monocottura anche se gli smalti, che funzioneranno meglio, sono differenti ed andranno applicati in quantità minore.
Ma questo non è un problema perchè la piastrella in gres fornisce già un fondo "colorato" pertanto la smaltatura va solo ad aggiungere una venatura o un decoro leggero

Nel 1995 alcune aziende riescono ad immettere nel mercato le prime piastrelle di "gres porcellanato smaltato". Come dicevamo la richiesta del mercato era quella di avere un grès resistente che assomigliasse a dei marmi "anticati", dalla superficie liscia, quasi consumata dal tempo. Questi pochi pionieri produssero delle piastrelle in cui le venature del marmo erano estremamente realistiche, grazie ai nuovi smalti che decoravano il supporto. 

Il grès smaltato fece la sua prima apparizione pubblica: il successo fu clamoroso.

La diffusione

Per quanto i produttori di gres "integrale" si affaccendassero prima, e affannassero poi, a screditare questo nuovo prodotto, la superficie più liscia, più facilmente pulibile, più bella esteticamente ne decretò il successo nel mercato residenziale privato.

Se nel pubblico, nei supermercati o in altri ambiti prevalevano considerazioni tecniche nel residenziale, da sempre, decide la signora Maria. E la signora Maria aveva deciso che le piastrelle in grès smaltato erano da preferire a qualunque altra piastrella.

Come già detto i puristi del gres, scandalizzati, tentarono di minarne la diffusione ma fu inutile, tanto quanto fermare il vento con le mani.

 

La conversione

Il mercato del grès smaltato cresceva a doppia cifra e se le aziende che avevano fatto da pioniere, lanciando il  gres porcellanato smaltato dovettero fare tre turni per reggere la richieste le altre, quelle che si ostinavano a produrre il gres "puro", andarono in sofferenza.
Molti produttori si convertirono a questa nuova tendenza, qualcuno controvoglia.
Altri, importanti e testardi produttori di piastrelle in gres  "integrali"  - a tutta massa - andranno incontro al fallimento. 

 

Minor costo

Oltre a soddisfare la domanda i produttori di piastrelle in gres smaltato si trovarono ad avere maggiori margini : la smaltatura può essere eseguita, infatti,  su un "supporto" di gres porcellanato più "scadente", in cui, cioè, non si ha la necessità di una ricerca estetica raffinata. Il decoro consentirà di coprire il corpo della piastrella. Insomma ciò che sta sotto, il corpo della piastrella, è poco rilevante e può costare meno. 
Trascorsi i primi anni in cui lo smaltato costava più del grès a tutto impasto, con il tempo il prezzo dello smaltato è iniziato a scendere ed oggi esistono grès smaltati estremamente economici. 

Se sei interessato a capire qual è il prezzo delle piastrelle e come si determina, leggi l'articolo: "IL PREZZO DELLE PIASTRELLE"  >>

 

La lappatura del grès

Il gres smaltato, non essendo a tutto impasto, non si più levigare: pertanto la richiesta di gres lucido veniva soddisfatta solamente mediante lucidatura del gres porcellanato a tutto impasto.

A qualche anno dall'introduzione del gres smaltato - viene testata e praticata la "lappatura" di cui parliamo più approfonditamente in questo altro articolo.  
La lappatura è un procedimento che consiste in una levigatura molto leggera che non fornisce, come risultato, un gres lucidato a specchio ma una piastrella più liscia e solo leggermente riflettente.
L'aspetto finale è quello di un pavimento consumato, simile a quello di certe chiese o palazzi dove il passaggio delle persone ha reso più liscio e lucente il pavimento.

Nasce un ulteriore filone di prodotti :il gres smaltato e lappato che si trova, fondamentalmente, in due versioni: con una lappatura liscia e planare o con una lappatura ondulata. La prima tipologia di lavorazione rende più moderno il prodotto, la seconda lavorazione lo rende più morbido, più caldo ed autentico.

 

La rettifica del grès 

Con l'avvento dello stile minimal sul gres porcellanato si viene ad aggiungere una lavorazione, la rettifica, che lo rende perfettamente ortogonale e che garantisce un bordo assolutamente diritto e preciso. Di conseguenza la fuga sarà rettilinea e di minori dimensioni.

La squadratura del bordo avviene con una operazione di abrasione meccanica che riduce di dimensioni la piastrella, seppure di pochi decimi di millimetro. Inoltre dovrà essere seguita da una bisellatura del bordo a vista per renderlo meno tagliente. 
 

La smaltatura digitale

Un'altra innovazione, più recente, ha nuovamente rivoluzionato l'applicazione dello smalto sul grés crudo: si tratta dell'applicazione mediante stampante digitale a getto di inchiostro su gres porcellanato di cui parliamo approfonditamente in questo articolo.
Il processo avviene mediante spruzzo sulla superficie di micro-gocce di smalto che consentono di riprodurre con perfetta fedeltà ed in alta risoluzione delle foto realizzate, e pre-caricate sulla stampante, sempre in alta risoluzione.

► Il vantaggio per chi produce è una flessibilità estrema e cioè la capacità di gestire facilmente anche piccoli lotti produttivi per la semplicità di modificare la decorazione. Prima della stampa digitale il riattrezzaggio della linea di smalteria era un processo lungo e costoso ed i lotti produttivi dovevano essere consistenti per ammortizzare questi costi. 

► Il secondo vantaggio è la possibilità di personalizzare il prodotto finito: la tecnica consente di riprodurre qualsiasi immagine per cui sarà possibile produrre una piastrella anche su specifica richiesta da parte del cliente. 

► Infine va tenuta presente l'alta fedeltà che questa tecnologia ha regalato con la possibilità di realizzare gres ad effetto legno, ad effetto marmo e ad effetto cemento con una perfezione di risultati impensabile fino a qualche anno fa. 

 


Prosegui leggendo: Le PIASTRELLE IN GRES stampate con tecnologia digitale >>

Oppure

Torna alla pagina: "Le piastrelle in ceramica" >>



 

Commenti

Buongiorno, con la presente vorrei richiedere informazioni circa il gres porcellanato smaltato. Faccio molta fatica a trovare un produttore di gres porcellanato smaltato e andando in azienda sembra richiedere una cosa gravissima. Potreste gentilmente darmi indicazioni su eventuali produttori di gres porcellanato smaltato? Attualmente in casa ho un gres porcellanato naturale ed è davvero molto difficile da pulire, vorrei coprirlo con un lucido effetto marmo ma stavolta non voglio sbagliare.

10/03/2020 - Manuela Menchini

Ciao Manuela, 

Premetto che molto cambia da fornitore a fornitore e le differenze possono essere davvero importanti. Ciò detto: la superficie "naturale" del grès generalmente si presenta più "secca" e quindi, come giustamente scrivi, più difficile da pulire. Questo può accadere anche con un grès smaltato. Mentre le cose cambiano molto se scegli un grès lappato, cioè che ha subito una azione meccanica di abrasione e lucidatura "leggera" dopo l'uscita del forno. 
In questo caso la superficie sarà più morbida, più liscia (senza essere lucida a specchio) e quindi più semplice da pulire. 

ciao!

 

27/03/2020 - manager

Lascia un tuo commento

I tuoi dati saranno mantenuti privati e non saranno mai mostrati pubblicamente.
Dichiaro di aver letto l’informativa ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti (dettagli). I dati raccolti a seguito della compilazione del presente modulo possono essere utilizzati per rispondere alle richieste degli utenti. Il messaggio inviato verrà pubblicato secondo le norme stabilite nel regolamento del sito. La compilazione del modulo è facoltativa ma per la pubblicazione è necessario inserire un proprio indirizzo email valido.
Selezionando questa casella autorizzo Fratelli Pellizzari S.P.A. ad utilizzare i dati inseriti per il successivo invio di comunicazioni commerciali e di marketing.

Forse ti potrebbe interessare...

  • Lo storico ristorante Al Campanile cambia completamente volto, si trasferisce a Castello di Arzignano e riporta l'eleganza e la ricercatezza dei suoi piatti anche negli ambienti interni del nuovo locale.

  • È stata la discoteca più conosciuta della provincia di Vicenza: alla fine degli anni '90 abbiamo fatto i pavimenti all'interno. Conserviamo poche immagini ed il ricordo, nostalgico, dei momenti trascorsi lì dentro a cercare la morosa (o il moroso, a seconda dei gusti).

  • Questi giovani clienti hanno acquistato una abitazione con il bagno esistente: colori e piastrelle non gli piacevano.
    Ci hanno chiesto di trasformargli il bagno in un ambiente dai toni moderni bianchi e grigi, ma senza eliminare nulla.